All’ombra del Castello il 12 e 13 agosto la Festa della Tarita

Una delle feste entrate nella tradizione di Itri è quella che si volge ogni estate in agosto, quest’anno il 12 ed il 13, all’ombra del Castello medioevale nella zona del centro storico che ha come centro la Piazza sant’Angelo. Le decine di vicoli ospitano, per l’occasione, il Mercatino dell'antiquariato e dell'artigianato. Una mostra fotografica ricorderà il dramma della Seconda Guerra Mondiale ed in particolare del bombardamento di Itri, del 12 novembre 1943, che provocò diverse vittime e la distruzione di buona parte del vecchio borgo. Gli eventi bellici nel Golfo di Gaeta sono anche soggetto di un libro di Gabriele Novelli che sarà presentato martedì 12 agosto. La serata si concluderà alle 21,30 con un concerto concerto di musica popolare: Ven'Trupea in Segnali di cambiamento
Per tutta la durata della festa sarà possibile degustare i prodotti tipici strani a aprtire dalle olive nere.Mercoledì 13 Agosto, proseguirà il Mercatino dell'antiquariato e dell'artigianato nei vicoli del centro storico (dalle 19.00 alle 24.00), mentre alle 20.00 una esperienza da non mancare, per i più piccoli, è la Rottura della pignatta. Bendati occorre rompere con un bastone un contenitore di ceramica ( la pignatta) per potere guadagnare la sorpresa che vi è contenuta. Seguirà un concerto di musica popolare del Canzoniere dell'Appia, con composizioni dedicate alle “regina” delle strade. Quellla Via attorno alla quale la scrittrice Fabrizia Remondino, morta recentemente in seguito ad un malore, ha costruito il suo ultimo romanzo. La Remondino, infatti, aveva eletto a sua residenza propria una casa di Piazza Sant’Angelo, e nel cortile del vicino Castello medioevale Itri ed i suoi amici del mondo della cultura e dello spettacolo le hanno reso l’estremo saluto.

-----------------------------------------------------------------News 2008---------------------------------------------------------

ITRI:fino al 30 agosto sesta edizione delle Giornate Fotografiche.

Quattro mostre:Angeli nel Deserto:un altro Perù; Viareggio:Carnevale per sempre; Come eravamo (le foto di Itri dell'archivio Milana) e Taccuino fotografico (da La Ciociara a Berlino 68, dalla Londra di Portobello ai festival del cinema diVenezia e di Roma

Un appuntamento che si ripete da sei anni:quello di Itri con la fotografia. L’occasione di partenza è stata la riscoperta e la valorizzazione dell’archivio fotografico Milana, costituito da diverse migliaia di lastre e negativi di Marcello Milana, fotografo a Itri dal 1933 al 1974, e da alcune centinaia risalenti ai primi anni del novecento degli zii Alfredo e Paolo Assaiante. Dopo una prima mostra sostenuta dalla associazione Pro Loco nel 1996 si è arrivati nel 2003 alla tesi di laurea di Donatella Apuzzo ed alla sua pubblicazione. Il passo successivo è stata l’idea di organizzare annualmente una Mostra Fotografica Internazionale con l’intento di ospitare il lavoro fotografico di professionisti e appassionati italiani e di altri Paesi.

Quest’anno i temi delle esposizioni fotografiche, aperte dall’11 luglio al 30 agosto, spaziano dal Perù della periferia povera del nord di Lima al Carnevale di Viareggio; dalle foto su Itri dell’archivio di Marcello Milana al Taccuino fotografico che spazia dalla Berlino del 1968 alla Mostra del cinema di Venezia.

“Angeli nel Deserto: un altro Peru’ “ è il lavoro che il fotografo Alessandro Iasevoli ha realizzato nella periferia nord di Lima dove da oltre ventisette anni il missionario Padre Antonio Garciandia ha “investito” sulle persone di una della realtà tra le più povere del Paese latino-americano. Dopo avere iniziato come fotografo di scena, Iasevoli ha approfondito i temi della comunicazione visiva e del reportage con grandi fotografi. La mostra è dedicata alla memoria di Luigi Bencetti, giornalista e diacono della Chiesa di Roma,che è stato in missione con la moglie Isabella nel Cono Norte di Lima dal 2001 al 2007. Missione interrotta dalla sua prematura scomparsa.

“Viareggio: Carnevale per sempre”: uno spaccato importante dei 135 anni di uno dei più spettacolari carnevali del mondo che ripropone, tra satira di costume e politica, i temi della quotidianità. Le foto dal 1905 ai giorni nostri sono state realizzate dai fotografi ufficiali delle diverse epoche e gentilmente messe a disposizione dall’Archivio storico della Fondazione del Carnevale di Viareggio. Lo spazio si chiude con un inedito e “non ufficiale” Dietro le quinte fotografato da Augusto Milana.,

“Come eravamo…” è la prosecuzione della ricerca e ri proposizione delle fotografiche tratte dall’Archivio di Marcello Milana: questa volta si prendono, particolarmente, in considerazione gli anni del dopoguerra. Da segnalare le foto della squadra di calcio Itri e quelle con sfondo da studio di donne in costume.

Infine, Augusto Milana, dopo avere contribuito a valorizzare l'archivio storico della famiglia, ha iniziato a lavorare sulle foto da lui realizzate dal 1960 ad oggi . Un “Taccuino fotografico” che parte da Itri con la Sophia Loren della Ciociara passando per la Berlino del 68, la Londra di Portobello Road, fino a giungere ai grandi appuntamenti cinematografici di Venezia e Roma.

---------------------------------------------------------News 2008------------------------------------------------------------

SPERLONGA. “Mito & Metafora” mostra delle opere pittoriche di Normanno Soscia.

E’ stata inaugurata presso il Museo Archeologico Nazionale di Sperlonga (Latina) la mostra delle opere pittoriche di Normanno Soscia. “ Mito & Metafora” è il tema della mostra che ripropone, dopo quella ospitata lo scorso anno al Castello Medioevale di Itri, suo paese natale e laboratorio di ispirazione e creativo, la lunga attività artistica del pittore.

Aperta fino al 15 settembre, la mostra sarà visitabile tutti i giorni dalle 9.00 alle 20.00

-------------------------------------------------------------------------News 2008--------------------------------------------

Record del Lazio e di Itri nel settore dell'olio di oliva Extravergine:il riconoscimento è della guida di Slow Food.

L’olio extravergine di oliva italiano gode di ottima salute generale. Lo conferma l'ottava edizione della Guida agli extravergini di Slow Food Editore che verrà presentata domenica 15 giugno a Frascati , in provincia di Roma, nell’ambito del I° Meeting dei Produttori di Extravergine d'Oliva del Lazio. Il il comparto, come sottolineano i curatori della guida Tiziano Gaia e Diego Soracco, sta conoscendo un’impetuosa impennata qualitativa a livello nazionale, tanto da non poter più parlare di eccellenza “a macchia di leopardo”, ma di eccellenza “diffusa” in tutte le regioni italiane.

Le Tre Olive, l'ambito riconoscimento della guida di Slow Food, sono state assegnate quest'anno a 42 aziende,distribuite su ben 15 regioni, tra cui il sorprendente Trentino, al suo primo massimo riconoscimento. Un segno dei tempi, nel senso climatico forse, ma non solo: il boom del Trentino arriva dopo l’exploit di Veneto, Lombardia, Piemonte, e non bastano le mutate o mutanti condizioni climatiche a spiegare il fenomeno, ma bisogna inquadrarlo in una nuova politica agricola tendente a valorizzare pratiche inedite in ambienti inediti.Scendendo lungo lo Stivale, sono da rimarcare le buone prestazioni della Toscana, abile a sfruttare le competenze tecniche dei suoi produttori per ovviare a una delle peggiori raccolte degli ultimi anni, e il clamoroso record del Lazio, premiato con 7 Tre Olive.

Il caso laziale- secondo la guida di Slow Food- merita un cenno in più, perché sintomatico di che cosa può significare, per l’agricoltura di oggi, puntare coraggiosamente sulle varietà autoctone. La stagione olivicola straordinaria del Lazio è in buona parte dovuta a una riscoperta dell’Itrana, cultivar dell’omonimo comune (Itri) in provincia di Latina, che un manipolo convinto di produttori ha preso sotto la propria ala protettiva dedicandovi cure, ambizioni e metodi colturali razionali. Il risultato è stato che l’Itrana sta trascinando verso l’alto tutto il comparto olivicolo laziale, con un effetto “onda”.Tra le regioni meridionali si impongono,infine, Puglia e Sicilia (rispettivamente terza e seconda regione per numero di schede, alle spalle del gigante Toscano), che hanno beneficiato di un’ottima annata di raccolta dei frutti.

Importante novità della Guida agli Extravergini 2008 è l’assegnazione di un nuovo riconoscimento: si tratta degli oli “Eccellenti”, ossia quei prodotti che in degustazione sono risultati particolarmente brillanti, emozionanti, felici interpreti di un’annata, un terroir, una cultivar, pur senza raggiungere la fatidica soglia di punteggio necessaria per arrivare alle Tre Olive. Sono 37 gli Eccellenti del 2008, che sommati alle Tre Olive portano il bottino di riconoscimento a quota 79.

Le commissioni di Slow Food hanno assaggiato circa 2500 extravergini di provenienza nazionale o istriana (confermata la presenza di Slovenia e Croazia tra le pagine della pubblicazione), con numeri oscillanti dai 3 campioni piemontesi ai 500 toscani. Al termine delle 100 sessioni di degustazione locali sono stati assaggiati, da una commissione formata dai responsabili storici della guida, i 120 oli candidati ai premi. E, a conti fatti, sono risultati inseriti in guida 950 extravergini in rappresentanza di 680 aziende di 20 regioni. Anche questo, naturalmente, un record.

Le Tre Olive 2008 nel Lazio: un olio itrano tra i sette premiati.

-Olio Extravergine di Oliva

Cetrone (Sonnino, Lt)

-Olio Extravergine di Oliva Antichi Sapori

Quinzio Antonelli (Moricone, Rm)

-Olio Extravergine di Oliva Dop Sabina Sole Sabino

Sole Sabino (Castelnuovo di Farfa, Ri)

-Olio Extravergine di Oliva Evo Dop Tuscia

Cooperativa Agricola Colli Etruschi (Blera, Vt)

-Olio Extravergine di Oliva Fruttato Medio

Cetrone (Sonnino, Lt)

-Olio Extravergine di Oliva Le Ciaie

Mandrarita (Itri, Lt)

-Olio Extravergine di Oliva Regillo

Tenuta di Pietra Porzia (Frascati, Rm)

Gli Extravergini Eccellenti 2008 nel Lazio:un olio itrano su quattro premiati.

-Olio Extravergine di Oliva da Agricoltura Biologica

Rita De’ Medici Pierron (Vico nel Lazio, Fr)

-Olio Extravergine di Oliva Dop Sabino La Mola

La Mola - Anna Maria Billi (Castelnuovo di Farfa, Ri)

-Olio Extravergine di Oliva Dop Tuscia L’Oliveto Matarazzo da Agricoltura Biologica

L’Oliveto Matarazzo (Viterbo, Vt)

-Olio Extravergine di Oliva Valle d’Itri Selezione Raino

Valle d’Itri (Itri, Lt)

L’elenco completo delle Tre Olive e degli Extravergini Eccellenti è su www.slowfood.it

--------------------------------------News 2008---------------------------------------------------------------

25 Maggio: ritorna l'Infiorata di Itri alla 22esima edizione.

Dopo la pausa di un anno, dovuta a diversi problemi, l'Associazione Pro Loco con il Comune di Itri ed altri enti locali, ripropongono l'Infiorata Moderna giunta alla 22esima edizione. Artisti e studenti, anziani e ragazzi, lavoreranno dalla prima mattina di domenica 25 Maggio per realizzare i grandi affreschi di fiori nella parte bassa del paese ed in altre piazze del centro storico. Le raelizzazioni artistiche potranno essere ammirate per la giornata fino a quando la processione del Corpus Domini passerà sul tappeto di fiori nel tardo pomeriggio.Una esperienza da vivere soprattuto al matino quando i grandi quadri si comporrano, sotto gli occhi dei visitatori, grazie al lavoro di tanti volontari.

------------------------------------------------------News 2008--------------------------------------------------

19 Marzo: festa di San Giuseppe.

rinnovata ad Itri la storica tradizione dei falò.

La notte del 19 marzo, festa di San Giuseppe, Itri è “in fiamme". Enormi falò, in onore del santo, ardono nelle piazzette principali dei quartieri storici, ed altri fuochi di più modeste dimensioni sono sparsi un po’ dappertutto. Così il popolo festeggia San Giuseppe ”Patrono della Chiesa universale” (Pio IX, 8 dic. 1870). Si tratta di una evidente manifestazione della religiosità popolare, la quale ha fuso, attraverso secoli e percorsi intricati, aspetti della più lontana religiosità arcaica con la nuova religiosità cristiana. E’ in virtù di questo sempre rinnovato movimento di sincretismo, di cui ovviamente il popolo non conserva nessuna specifica memoria storica, che giungono sino a noi riti antichissimi che, nonostante il tempo trascorso, conservano i tratti evidenti della loro arcaicità. In tal modo i riti antichissimi del fuoco si sono intrecciati, nella festa itrana, con il culto popolare di S. Giuseppe.

Malgrado molte di queste tradizioni legate alla vita contadina abbiano risentito delle trasformazioni che la società ha subito dal dopoguerra ad oggi (facendo si che queste si trovassero inserite in contesti culturali radicalmente diversi e con una dinamica storica fortemente accelerata), la festa è ancora molto sentita dalla comunità locale. Questo antico rito, che trova riscontro in più parti d’Italia, tra sacro, profano e magia, è un appuntamento classico delle manifestazioni popolari primaverili.

La festa ha inizia,alle 20 circa, con l’accensione , in ogni quartiere, dei falò al suono di gruppi musicali mentre inizia la preparazione delle specialità della gastronomia itrana. La tradizione vuole che mano a mano che le fiamme diventano meno violente, ci si stringe intorno ai fuochi, si chiacchiera e si mangia assieme: le zeppole di S. Giuseppe, le olive, la bruschetta con l’olio nuovo, la salsiccia, il marzolino ed altre pietanze della tradizione contadina.
Regina sella serata sarà la
famosa “zeppola”, ricavata da un’antica ricetta tramandata da generazioni.Il dolce verrà preparato al momento da esperte massaie e distribuite ai presenti.

Il territorio di Itri è zona di produzione di una pregiata oliva da tavola denominata “oliva di Gaeta” (denom. scientifica “cultivar itrana”) e di un ottimo olio extravergine di oliva. Entrambi i prodotti potranno essere degustati presso i diversi rioni. Itri è affiliata all’Associazione Italiana “Città dell’olio” ed è prossima l’attribuzione della d.o.p. (denominazione di origine protetta) all’olio.

I rioni saranno animati da numerosi gruppi locali di musica popolare:

Canzoniere dell’Appia, Maltempo, Malerva, Musicalia Aurunca, Febbre Quartana, Trio Calamus, Triatonico, Folk Itrano.

Il Castello medievale rimarrà aperto al pubblico dalle 19:00 alle 23:00.

Il programma dettagliato:

- ore 20:00: Accensione dei fuochi

degustazione dei prodotti tipici itrani presso i rioni:

Piazza Umberto I:

bruschetta aglio e olio - salsiccia alla brace - olive

“Straccio” (Corso Appio Claudio):

grande zeppolata

“Madonna delle Grazie”:

“Zupp’ d’ Bagong” (legumi misti) -olive

“Sant’Angelo – Tarita”:

bruschetta all’olio - olive - paté di olive-

salsiccia secca e marzolino

“San Gennaro - Largo dei campi”:

penne al sugo di salsiccia - salsiccia - pane alle olive - marzolino - olive

“San Gennaro - Largo Luigina Sinapi”:

bruschetta con olio e pomodoro -marzolino - olive - salsiccia secca

“Sanmartino - Largo Staurenghi”:

fagioli con cotenna e salsiccia - olive- marzolino

----------------------------------------------------------------------------------------News 2008----------------

Tanti fuochi d'artificio per festeggiare il 2008:

Auguri itrani nel mondo!

Anche gli itrani hanno festeggiato l'arrivo del 2008 con tanti fuochi di artificio, fontane luminose, canti e balli, grandi mangiate e fiumi di spumante. Il tutto senza tralasciare di mangiare, dopo la mezzanotte, le lenticchie che secodo la tradizione portano fortuna. Anche se l'uso sempre più ampio di giochi pirotecnici fa correre alcuni rischi, è fortunatamente tramontata, da alcuni decenni, la bruttissima tradizione secondo la quale bisognava gettare dalle finestre le cose vecchie dell'anno che finiva. Così, dalle lampadine fulminate ai vasi, dalle bottiglie ad oggetti più pericoli (e meno dignitosi),tutto finiva sulle strade con il rischio di ferire quanti festeggiavano all'aperto l'arrivo dell'Anno nuovo e rendendo pericoloso il trafficco. Vietatissima questa abitudine di festeggiare, la repressione delle forze di polizia si è spostata negli ultimi anni verso l'uso di petardi illegali che provocano periodicamente feriti più o meno gravi. Ma, Itri ha festeggiato l'arrivo del 2008 in modo rumoromo e luminoso, con il cielo tratteggiato da mille colori senza però, eccessive esagerazioni.

A quanti hanno atteso il Nuovo Anno lontani dal paese di origine vanno i più sentiti auguri per un 2008 di Pace e di Solidarietà.

---------------------------------------------------News 2008---------------------------------------------------------

ITRItv-Telestreet: la televisione che nasce dal basso.

In piena attività dalla metà del 2007 ad Itri una “Televisione di strada” che trasmette i principali eventi della vita cittadina offrendo la possibilità di vivere e di godere in modo più ampio gli eventi culturali e musicali itrani.Si tratta di una iniziativa che non ha scopi commerciali ma sociali. In particolare, quello di “rendere partecipi della vita della città coloro che non possono uscire di casa”.

Il segnale la televisione è visibile solo nella zona centrale di Itri. L’esperienza è autofinanziata, ha dei costi di apparecchiature molto bassi, si avvale della partecipazione volontaria degli operatori e si ricollega al più generale movimento delle telestreet. Anche se il fenomeno trae origine agli inizi degli anni 90 in Italia, con lo sviluppo delle prime tv private, in realtà la tv di strada, intesa come servizio per piccole comunità o addirittura di quartieri cittadini, è nato a Gaeta, nel 2001 ad opera di Antonio Ciano, con Tele Monte Orlando che ha iniziato trasmettendo film e avvenimenti più o meno lontani nel tempo come processioni e spettacoli teatrali. Un’esperienza che non ha avuto vita facile, ma che ha incoraggiata altre analoghe esperienze in diverse città italiane.

Ora Itri-tv sviluppa l’esperienza facendo registrare molti consensi anche perchè si pone – come è nello spirito di queste forse di televisione- ad di sopra della politica locale cercando di diventare un punto di riferimento per la città interpetrando le necessità della popolazione e stimolando una partecipazione informata alla vita cittadina.

In precedenza, ad Itri nel 1991 era stata realizzata una radio locale, ma aveva avuto una vita breve anche perché limitata alla quasi esclusiva programmazione musicale. Ora la tv, offre nuove occasioni data la ricchezza degli eventi spettacolari, culturali e sportivi (realizzati in occasione dell’estate, della feste popolari e nel corso dell’inverno) che possono essere registrati e riproposti alla cittadinanza.

-----------------------------------------------------------------------News 2007--------------------------------------

Coro polifonico: concerto a Gaeta del Gruppo Canoro "Marga e gli Itriatranti".

Un’esperienza artistica e sociale di grande spessore quella animata ad Itri dal maestro Angelo Olivieri che ha permesso la nascita e lo sviluppo di un coro costituito in gran parte da anziani che hanno potuto così realizzare, in qualche caso, il sogno della loro vita. Per molti di loro, infatti, la passione del canto si è potuta concretizzare soltanto con l’arrivo della terza età e grazie all’iniziativa sociale di dare vita ad un coro che fin dal suo esordio è stato accolto con grande calore e simpatia. Nel 2007, tra i concerti che hanno avuto più successo: quello tenuto ad Itri in occasione del Giornate degli italiani nel mondo quello più recente svoltosi a Gaeta, il 22 dicembre, per iniziativa della Pro-Loco in occasione della festività natalizie.

------------------------------------------------------------------------News 2007--------------------------------------

Domenica 26 agosto, al Castello Medioevale, la X edizione del Premio Nazionale di Poesia "Mimesis".

Giunge alla decima edizione il Premio Nazionale di Poesia "Mimesis" organizzato dall'omonina Associazione Culturale animata, in particolare, da Nicola Maggiarra e Patrzia Stefanelli.nello scenario del cortile del castello Medioevale verranno presentate e lette le poesia selezionate da una apposiita Giuria, con il commento musicakole del sax Carmine Saveriano e del pianoforte di Rita Fusco.Il tema di quest'anno "Li vidi passare...."si ispira a Luigi Tenco, alla sua poesia. Il grande cantautore, tragicamente somparso, riceverà un omaggio lusicale da Emiliano Raya accompanato al pianodforte da Velrie Minneo, mentre scorrerrano le mmagini di un video di Gialuca Martone. La direzione artistica della serata è di Patrizia Stefanelli. I partecipanti potranno degustare prodotti locali, mentre prima dell'inizio sarà visitabili -su invito della Associazione Pro Loco- le Mostre realizzate nell'ambito delle Giornate fotografiche nternazionali.

////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////News 2007///////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

Il 14 settembre un'altra parte del Castello Medioevale ritorna fruibile: ad inaugurare la Rorre rotonda una Mostra del grande pittore itrano Normanno Soscia.

Dopo i lavoro di restauro che hanno riconsegnato ai cittadini di Itri, ai turisti ed agli appassionati delle bellezze culturali italiana, un'altra sezione del Castello Medioevale viene riaperta. Si tratta della bella Torre rotonda alla quale si accede attraverso un panoramico camminamento , destinata dopo lunghi restauri e ristrutturazioni ad area espositiva e, forse, a luogo di accoglienza della memoria fotografica del Paese. Per l'occasione, alle 19,30 verrà inaugurata la prima grande Mostra che Itri dedica a Normanno Soscia, pittore le cui opere hanno trovato ampia ispirazione nel patrimonio della tradizione popolare. nella serata, verrà anche presentato il Catalogo monografico sull'opera di quaranta anni di attività artistica di Normanno Soscia che ha esposto nella maggiore gallerie in Italia ed all'estero, ma che ha manenuto ad Itri il laboratorio della sua creatività.

/////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////NEWS 2007//////////////////////////////////////////////////////////////////////

Giunte alla quinta edizione le Giornate Fotografiche Internazionali di Itri (Latina):

dal 10 luglio al Castello Medioevale ed al Museo del Bigantaggio.

Il grande fotografo Roberto Bettini è l'ospite principale delle Giornate Fotografiche Internazionali di Itri, giunte alla quinta edizione, con settantacinque scatti che raccontano le pagine più importanti, più belle, più tristi, più buffe ma anche più drammatiche delle grandi corse a tappa (dal Giro di'Italia al Tour de France), delle classiche come la Milano-Sanremo e la Parigi-Roubaix, dei campionati del mondo e delle gare olimpiche. "Scatti e controscatti" è il titolo della mostra le cue didascalia sono state scritte da Giovanni Scaramuzzino l'inviato di Radio Radi e Rai International per il ciclismo:il gionalista che dalla moto racconta gli ultimi cinquanta km delle tappe del Giro d'Italia, mentre Roberto Bettini dalla sua moto fotografa i momenti salienti. Due professionisti che si sono incontrati sulle strade del Giro ed hanno fatto confluire le loro esprienze nel libro "Fino all'ultimo chilometro:il Giro d'Italia da una motocicletta" (Geo Edizioni, Empoli, 200) scritto da Giovanni Scaramuzzino con le foto fi Roberto Bettini.

Un'altro grande fotografo è l'archeologo e documentarista Francesco Prezioso che racconta due mondi geograficamente lontani: quello dei Caboclo, gli abitanti dell'interno dell'Amazzonia e quello della Siria, terra di Antiche Civiltà.

Uno spaccato di una realà affascinante ma contraddittoria, come quella del Messico e del suo futuro, è raccontato da un gruppo di giovani fotografi della Danimarca.

/////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////News 2007///////////////////////////////////////////////////

lI ricco programma dell'estate itrana 2007

LUGLIO

2 Festeggiamenti della Madonna delle GrazieParrocchia S. Michele Arcangelo

4 “Sporca Estate 007” - IV Cinema al Castello “Segreti di Stato” (P. Benvenuti) Associazione Culturale C.A.GA.Cavea del Castello Medioevale, ore 22:00

6, 7, 8 “La Città dei Ragazzi” - Parco giochi gonfiabili gratuiti Star Lab Spettacoli - P.le Carabinieri d’Italia, dalle ore 16:30 alle 23:00

7 “Surfing party” Gara a squadre: al primo classificato premio vacanza di un week end. Da Buona Domenica Canale 5 - ospite G F 7 - Star Lab SpettacoliP.le G. Rodari, ore 21:30

8 “Dream” Saggio spettacolo dell’A. S. Gym Center Dance Studio P.le G. Rodari, ore 21:30

Giornate Fotografiche Internazionali – Ass. Pro-Loco Itri dal 10 luglio al 30 agosto al Castello Medioevale ed al Museo del brigantaggio.

12 “Sporca Estate 007” – IV Cinema al Castello“Non son l'un per cento” (A. Morabito 2007)

Associazione Culturale C.A.GA.Cavea del Castello Medioevale, ore 22:00

14 “Napule e mò”Concerto di musica napoletanaon Paolo Cuccaro e Sasà Trapanese”

Associazione Culturale “Anema e core”Piazza Umberto I, ore 21:00

18 “Sporca Estate 007” - IV Cinema al Castello “La vera leggenda di Tony Villar” (G. Gagliardi)

Associazione Culturale C.A.GA.Cavea del Castello Medioevale, ore 22:00

19 “Nel mezzo del cammin...”Danza Contemporanea dell’ A. S. Gym Center Dance StudioQuadri dal II libro

della Divina CommediaCavea del Castello Medioevale, ore 21:30

20, 21, 22 Festeggiamenti in onore di Maria SS della Civita: Comitato Festeggiamenti Maria SS della Civita -

20 “Sergio Caputo in concerto” Piazza Incoronazione, ore 21:30

21 Katia Ricciarelli in concerto con l’Orchestra Sinfonica di Ihjevsk ed il Coro del Teatro Lirico

di Cracovia (Romania) - Piazza Incoronazione, ore 21:30

22 “Tiromancino in concerto” Piazzale G. Rodari, ore 22:00

26 “Sporca Estate 007” - IV Cinema al Castello“La cena per farli conoscere” (Pupi Avati 2007)

Associazione Culturale C.A.GA.Cavea del Castello Medioevale, ore 22:00

27 “Storie sotto la luna “ di Emanuela Giordano Spettacolo Teatrale

dell’Associazione Culturale “La Piccionaia”Cavea del Castello Medioevale, ore 21:30

28, 29, 30, 31 Festa degli Itrani nel Mondo – Associazione Pro-Loco Itri-

28 Modella Oggi – Spettacolo di musica e moda Piazza Umberto I - ore 21:00

29 Concerto dell’Orchestra Fiati Apulia , Diretto dal M° Antonio Zizzamia - Piazza Umberto I – Ore 21:00-

30 Coro Spettacolo “Marga e Itriatranti” - Circolo AUSER Itri ,Diretto da Maestro Angelo Olivieri

Piazza S. Pertini , ore 21:00

31 Allegroamaro Voci e suoni in viaggio tra Italia e Portogallo, Cavea del Casello Medioevale, ore 21:30

AGOSTO

1 Concerto in villa della Banda Musicale di Itri Villa Comunale G. Ialongo, ore 21:00

2 “Sporca Estate 007” - Cinema al CastelloProiezione a sorpresa - Presenta Andrea Fioravanti

Associazione Culturale C.A.GA.Cavea del Castello Medioevale, ore 22:00

3 Burattinando in villa – II EdizioneVilla Comunale G. Ialongo, Spettacoli alle ore 19:00, 21:00, 22:00

4 “Musical Parade in Tour”10 musical tutti in una sera

Associazione “Iniziative & Progetti” di Gianni DonatiP.le G. Rodari, ore 21:00

5 Terra mia! – Storie di briganti e di emigranti -Spettacolo teatral-musicale della Compagnia “Archetipo”

a cura dell’Ass. Vox PopuliMuseo del brigantaggio, ore 21:00

6 “Io... e le donne” di e con Rosaria De Cicco Spettacolo teatrale dell’ Associazione

Culturale “La Piccionaia”Cavea del Castello Medioevale, ore 21:30

7, 8 “Corrida Itrana - Sotto a chi tocca”Musica e Cabaret - Presentano Rocco Palazzo e Antonio Fiorillo

Piazzale G. Rodari, ore 21:00

10 “Filumena Marturano” di Eduardo De FilippoAss. Il Teatro Minimo di Isernia

Museo del brigantaggio, ore 21:30

11 “Chattanooga in concerto”Musiche di Renato Carosone

Cavea del Castello Medioevale, ore 21:30

12 Itri Moda – II Edizione a cura dell’Agenzia di moda Landolfipresenta Antony Palmieri

Piazza Umberto I, ore 21:00

13, 14 Festa della Tarita Comitato Pro Sant’Angelo-

13 Concerto di gruppi locali-

14 Pizzica, organetto, zampogne, tammorre e assaggi Centro storico (Sant’Angelo), ore 21:00

16 Festeggiamenti in onore di San Rocco -Parrocchia di Santa Maria Maggiore

19 Serata al MuseoIncontro con l’autore Alfredo Saccoccio.Presentazione delle pubblicazioni:

- “Le ultime vicende di Fra’ Diavolo”-

“Fra’ Diavolo alla difesa di Gaeta del 1806”Museo del brigantaggio, ore 20:00

22 “Sporca Estate 007” - Cinema e Suoni al Museo

Associazione Culturale C.A.GA.Museo del brigantaggio, ore 21:30

24,25 Etnos – Festival di musiche tradizionali

Associazione Culturale Folk Club Latina - 24 Piazzale G. Rodari, ore 21:30

- Musicanti del piccolo borgo con Jessica Lombardi - Uaragniaun

- a seguire Spettacolo di Artisti di strada di e con Peter Ercolano

- 25 Piazzale G. Rodari, ore 21:30 - Folk Road - Malinky

26 X Edizione del “Premio Nazionale Mimesis” di poesia

Associazione Culturale “Mimesis”Cavea del Castello Medioevale, ore 21:00

29 “Sporca Estate 007” - Cinema e Suoni al Museo Associazione Culturale C.A.GA. Museo del brigantaggio, ore 21:30

31/8, 1/9 “Sporca Estate 007” Avant-Jazz-Free-Core Associazione Culturale C.A.GA. Piazza S. Pertini, ore 21:30

SETTEMBRE

9 Presentazione del “Dizionario del dialetto itrano” – Studio fono-etimologico di Mario La Rocca

Interventi musicali de “Il canzoniere dell’Appia” Museo del Brigantaggio, ore 18:30

15 “Sporca Estate 007” MusicaAssociazione Culturale C.A.GA.

Cavea del Castello Medioevale, ore 22:00

14 APERTURA AL PUBBLICO della torre rotonda del Castello Medioevale (detta “del coccodrillo”). Ore 19:30: Presentazione del Catalogo monografico e della Mostra sull'opera di Normanno Soscia (apertura della Mostra 14 settembre )

Ore 21:30: Suoni e Sapori – Serata di presentazione e degutazione dei prodotti tipici del territorio

Giornate Fotografiche Internazionali – Ass. Pro-Loco Itridal 10 luglio al 30 agosto al Castello Medioevale ed al Museo del brigantaggio

“Volti e Paesaggi di Itri”Mostra di pittura di Paolo Ciarlantinidal 15 al 22 luglionei locali dell’ex Ufficio Postale di Piazza Marconi

Torneo di Pallavolo a cura dell’Ass. Polisportiva Itri Struttura Geodetica Comunale dal 23 agosto al 2 settembre

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Sabato 24 Marzo: ritornano, con ritardo, i Fuochi di San Giuseppe. Piatti tipici, le tradizionali zeppole, e tanto vino al riverbero dei falò alimentati da grandi e ragazzi.

I tradizionali fuochi di San Giuseppe a Itri,che nel rispetto della tradizione erano stati programmati per il 19 marzo 2007, sono stati rinviati a causa della pioggi a sabato 24 marzo.Il rinvio, tempo permettendo, non dovrebbe togliere nulla al sapore della festa le cui origini si persono nel tempo.L'accensione dei fuochi dei diversi Rioni del
paese è fissata per le 20.00 e da quel mimoneto saanno in piena attività i centri di degustazione dei prodotti tipici itrani .

In Piazza Umberto I, nella parte bassa del paese- di fronte alla sede del Comune- si potranno degustare bruschetta aglio e olio, salsiccia arrosto .

Allo “Straccio” (Corso Appio Claudio) uno dei più antichi rioni itrani si producono, "in diretta",:le zeppole i tradizionali dolci di San Giuseppe.

All'ingresso nord del paese, nel quartiere della Madonna delle Grazie, si potranno degustare al riverbero delle fiamme del falò,pennette alla Ié Ié (pennette con sugo alle olive), pane e pomodoro, salsiccia secca ,olive, marzolino, brasato di vitellone bianco aurunco.

A Sant’Angelo, in Piazza Frà Diavolo, all'ombra del castello Medioevale: bruschetta, olive, paté di olive,salsiccia secca e marzolino

A San Gennaro, un altro dei più antichi quartieri sviluppatisi lungo l'antica Via Appia , e precisamente in Largo dei campi, si potranno gustare al ritmodelle musiche popolari, penne al sugo con salsiccia,pane alle olive nere .Sempre nel Rione San Gennaro, al Largo Luigina Sinapi: broccoletti e salsiccia .

A San Martino (Largo Staurenghi): bruschetta all’olio e fagioli con cotenna .

In ogni rione intrattenimento con i seguenti gruppi di musica popolare: Marco Cignitti Trio, Trio Aurunka, I musicanti del piccolo borgo, Pulcinella Band, I figli di Lauro, Arte Antica, Bedendbandfast.

--------------------------------------------------NEWS 2007----------------------------------------------------------

Dal 18 al 21 gennaio: ritorna il Festival di Musica Popolare "La Zampogna"

Dopo il successo ottenuto lo scorso anno, ritorna a gennaio 2007 "LA ZAMPOGNA", Festival di musica e cultura tradizionale, giunto alla sua quattordicesima edizione.Partito in sordina, a Maranola, nel sud del Lazio, per iniziativa di Erasmo Treglia e Ambrogio Sparagna che hanno dato un contributo importante alla riscoperta ed alla valorizzazione delle espressioni musicali e culturali popolari, il Festival è andato assumendo sempre più il carattere di punto di riferimento per i sempre più numerosi appassionati.Da alcuni anni anche Itri è stata inserita come tappa importante e ricca di appuntamenti. Quest’anno il programma offrirà un panoramica della musica popolare siciliana, ma vi sarà anche una importante presenza di maestri liutai provenienti da tutta la penisola italiana.Non mancheranno i grandi eventi live, la presentazione di dischi, la oramai tradizionale mostra-mercato di strumenti musicali, e gli immancabili percorsi enogastronomici. Quest'anno il Festival oltre a Maranola, si svolgerà a Formia, Itri, Fondi e Ausonia, dal 18 al 21 gennaio.Per permettere al sempre maggior numero di partecipanti di raggiungere i vari luoghi toccati dal festival,gli organizzatori hanno deciso di allestire un sito internet dedicato per rendere immediata, e di facile accesso, la comunicazione con tutti : www.lazampogna.it

------------------------------------------------------------------------------------------News 2006-----------------------------------------------------

l vincitori del 2° Concorso internazionale di vignette umoristiche su Frà Diavolo:

novanta partecipanti da tutto il mondo.

La Giuria del 2° Concorso Internazionale di Grafica Umoristica si è riunita,Domenica 5 novembre, presso il Museo demoetnoantropologico del brigantaggio di Itri, per esaminare le 90 opere pervenute da tutto il mondo: dal Brasile alla Cina, dalla Polonia al Canada, dalla Russia all'Iran oltre che da diverse lòocalità italiane. Dopo ampia valutazione, sono stati premiati i seguenti lavori:

1. Omaggio a Frà Diavolo di Angelo Campaner – Majano (Udine);

2. La tristezza di Pulcinella di Mario Magnatti – Itri (Latina);

3. Frà Diavolo di Kustovsky Alexey – Vishneve (Kiev – Ukraina).

La giuria, inoltre, ha ritenuto di dare una valutazione anche alle molte opere giunte da tutto il mondo che non hanno sviluppato il tema relativo alla figura di Frà Diavolo, ma hanno - più generalmente - lavorato sulla contrapposizione angelo-diavolo, in pratica tra il bene ed il male. Considerando la qualità della grafica e la creatività del soggetto la Giuria ha, pertanto, deciso di segnalare i seguenti autori:

· Erdogan Basol – Istambul (Turchia)

· Tomasz Woloszyn – Gubin (Polonia)

· Tadeusz Krotos – Gliwice (Polonia)

· Masoud Ziaei Zardkhashoei - Foolad (Iran)

· Igor Smirnof – Mosca (Russia)

· Duncan Keeley – Toronto (Canada)

· Vladimir Kazanevsky – Kiew (Ukraina)

- Erico Junqueira Ayres – Sao Luis Maranhao (Brasile)

La Premiazione dei vincitori e l'inaugurazione della Mostra dei disegni del 2° Concorso Internazionale di Grafica Umoristica "Frà Diavolo",organizzato dalla Associazione Pro Loco, si svolgerà sabato 11 novembre - anniversario della morte di Frà Diavolo - presso il Museo del Brigantaggio di Itri che sarà aperto gratuitamente al pubblico. La Mostra rimarrà aperta fino al 10 dicembre ed i visitatori potranno assegnare un Premio del pubblico votando il disegno prescelto su una apposita cartolina.

-------------------------------------------------------------------------------------------------News 2006----------------------------------------------------

11 Novembre 1806-2006:bicentenario della morte di Frà Diavolo.

Le iniziative a Itri. Un Convegno di studi,concerti,una Messa ed altri eventi.

Inizierà venerdì 10 novembre il Programma delle iniziative che si svolgeranno ad Itri (Latina) per ricordare i duecento anni dalla morte di Michele Pezza.Un personaggio scomodo che, con lo pseudonimo di Frà Diavolo, diede non poco filo da torcere, tra la fine del settecento e gli inizi dell'ottocento, al potente esercito francese al comando di Giuseppe Bonaparte, fratello di Napoleone.Definito dai francesi "brigante", e come tale conosciuto da molti, in realtà Michele Pezza fu un combattente contro quello che considerava un nemico- invasore: l'esercito napoleonico.

Il primo appuntamento, per appassionati e turisti, è al Castello Medioevale, l'antico maniero che domina il centro storico del paese, per un Convegno di Studi sul tema "Frà Diavolo,il valoroso guerriero itrano",che inizierà alle 15.30 con il saluto delle autorità.

Subito dopo vi sarà il primo intervento sul tema:"Michele Pezza nella memoria",tenuto da Giuseppe Pennacchia, pronipote di Frà Diavolo ed autore di un libro sui "briganti" nella storia.

Sul tema " La storiografia del 1899" interverrà Maria Pia Critelli, mentre Piero Crociati parlerà sul tema "La guerra delle truppe a massa, 1799 e 1806".

Dalla storia si passerà all'influenza che Frà Diavolo ha avuto nella letteratura e nell'arte con un intervento di Alfredo Saccoccio. Seguirà quello dedicato a Frà Diavolo nel teatro, con Gennaro Aceto, mentre Augusto Milana si soffermerà su come il cinema, la radio e la televisione si siano ispirati e lo abbiano raccontato dall'epoca del muto fino ad oggi.

Altri interventi si soffermeranno sul Brigantaggio in Terra di Lavoro e su "I luoghi legati alla figura di Frà Diavolo". Chiuderà la serata "Il canto dei sanfedisti":concerto di musica popolare del gruppo Arte Antica.

Sempre il 10 novembre- alle 22,30 - al Castello Medioevale si terrà un concerto di world music di Logos e Nour Eddine.

Sabato 11 novembre: è il giorno della morte per impiccagione di Frà Diavolo, avvenuta sulla piazza del Mercato di Napoli nel 1806, dopo lunghi e inutili tentativi dei francesi di arrestarlo.alle 12.00 una targa commemorativa sarà scoperta in Via San Martino.

Nel pomeriggio,alle ore 16.00, in località Sant'Andrea,zona destinata a parco archeologico, con i resti di un tracciato della via Appia, di edifici romani e di un fortino borbonico,verrà inaugurato un cippo commemorativo. In questo luogo, infatti, Frà Diavolo con un piccolo manipolo di uomini, riuscì a tenere testa al potentissimo esercito francese costringendolo a ritirarsi fino a Fondi.

Alle 18.00 - verrà aperto, ad ingresso libero, il Museo del Brigantaggio e si svolgeranno la Premiazione dei vincitori e l'inaugurazione della Mostra dei disegni del 2° Concorso Internazionale di Grafica Umoristica "Frà Diavolo",organizzato dalla Associazione Pro Loco. La Mostra rimarrà aperta fino al 10 dicembre.

In serata, alle 21.00, al Castello Medioevale - "Cantaria in Concerto". Musica popolare del Lazio e del Sud Italia.

-----------------------------------------------------------------News 2006----------------------------------------------------------------------------------------

200 anni dalla morte di Frà Diavolo:secondo concorso di vignette umoristiche promosso dalla Pro Loco.

Un modo simpatico per ricordare un tragico avvenimento. Frà Diavolo, al secolo Michele Pezza, è il brigante-eroe che ha combattuto, alla fine del settecento ed ai primi dell'ottocento, contro le invasioni francesi nel Regno di Napoli. Al termine di una serie di battaglie e di vicissitudini fu denunciato e arrestato mentre cercava di raggiungere il mare per imbarcarsi per Palermo. Fu impiccato dai francesi, l' 11 novembre del 1806 sulla Piazza del Mercato di Napoli, “palcoscenico” di storiche esecuzioni. Mentre un convegno storico ricorderà i fatti di quell'epoca, l'Associazione Pro-Loco con il patrocinio degli enti locali,ha indetto il secondo Concorso Internazionale di Grafica Umoristica. Un modo per parlare e sorridere delle vicende umane, politiche,militari e popolari di uno dei personaggi che più hanno stimolato la fantasia di scrittori, musicisti, registi e artisti.Il termine ultimo per l'invio dei lavori è quello di venerdì 27 ottobre :farà fede il timbro postale. La Giuria si riunirà il 5 Novembre per l'assegnazione di tre Premi. I lavori saranno posti esposti e i visitatori potranno votare per assegnare un quarto Premio del pubblico.

-----------------------------------------------------------------------------News 2006----------------------------------------------------------------------------

Premio Giornalistico Gastronomico "Piatto D'Autore":la ricetta della mamma.

Si svolgerà il 24 ottobre, all'Hotel Principe di Savoia di Milano, la terza edizione del Premio Giornalistico Gastronomico Nazionale "Piatto d'Autore" al quale parteciperà, per la prima volta, un giornalista di origine itrana : Augusto Milana. Invitato a presentare una ricetta per la selezione, ne ha scelta una legata ai ricordi della sua infanzia, il riso dolce, ed stato selezionato per la finale alla quale parteciperanno giornalisti della tv e della carta stampata.La realizzazione delle ricette sarà effettuata in diretta dai partecipanti nel corso di una serata di gala il cui ricavato andrà in beneficienza a sostegno di un progetto destinato ad aiutare i bambini di strada brasiliani. Dopo la cena, nel corso della quale verranno degustati e votati i piatti da parte di una Giuria di esperti, verranno assegnati tre premi.Tutte le ricette saranno pubblicate in un volume.

------------------------------------------------------------------------------News 2006-------------------------------------------------------------------------

Le Giornate Fotografiche Internazionali ,dal 15 luglio a fine agosto:

escono dal Castello per "invadere" anche altri spazi del paese. .

Le Giornate Fotografiche Internazionali di Itri, giunte alla quarta edizione, quest'anno coinvolgeranno non soltanto gli spazi del Castello Medioevale ma si estenderanno all'intero Paese. Infatti, accanto alle esposizioni nei saloni del maniero restaurato, la principale delle quali sarà quella sui Bambini e la Guerra realizzata dall'Ansa per conto del Consiglio Regionale della Toscana, altre verranno ospitate all'interno del Museo del Brigantaggio, nello Spazio Espositivo di Piazza Incoronazione e nelle vetrine di un certo numero di negozi del paese. Alcune racconteranno le città europee con foto e testi di studenti delle Università della Terza Età, altre le storie personali uscite dai cassetti dopo tanti anni.E poi ci saranno le tradizionali foto dell'Archivio Milana, ispiratore e coordinatore della manifestazione, con l'organizzazione dell'Associazione Pro-Loco ed il patrocimio del Comune e degli altri enti locali.

-------------------------------------------------------------News--------------------------------------------------------------------------------------------------

ITRI:un'estate ricca di avvenimenti:dal teatro alla fotografia, dalla

danza alla musica, dal cinema alla mostra dei costumi di Frà Diavolo.

Un'estate ricca di avvenimenti quella di Itri. Iniziata con una serie di concerti ai primi di luglio e proseguita dal 20 al 22 con i Festeggiamenti in onore di Maria Santissima della Civita che si sono conclusi con il concerto di Ron e spettacolari fuochi di artificio.

Subito dopo, domenica 23 Luglio si sono aperte le Giornate Fotografiche Internazionali,curate dalla Ass. Pro Loco e dall'Archivio Milana, ospitate quest'anno al Castello Medioevale, al Museo del Brigantaggio ed nella Sala espositiva alllestita nei locali dell'ex-Ufficio postale. Alle 21.OO si è tenuto lo spettacolo "Raccontare l'Europa" che integra le mostre fotografiche su questo tema allestite al Museo del Brigantaggio:realizzate nell'ambito di progetti europei hanno coinvolto anziani delle Università popolari di diversi città europee e studenti impegnati nei progetti Erasmus e Socrates dell'Unione europea. Le mostre comprendono: quella su "La guerra dei grandi vista con gli occhi dei bambini" allestita dal Consiglio Regionale della Toscana con fotografie dell'ANSA, l'Agenzia Nazionale della Stampa Italiana (una mostra di drammatica attualità); le mostre "Raccontare l'Europa" e "Town Stories" - le storie delle città-e quella immancabile dell'Archivio Milana che offre, di anno in anno, uno spaccato dei ricordi della vita del paese fotografata da Marcello Milana o realizzata nel suo studio fotografico.Quest'anno vengono esposti i gruppi scoalstici degli anni cinqyuanta, i primi esperimenti di educazione stradale nelle scuole e le foto "istantanee"realizzate con le macchine footografiche "in affitto".

Il Premio Frà Diavolo...I Briganti della Tivvù è stato assegnato quest'anno,domenica 6 agosto, a Giancarlo Funari nel corso di una serata aperta da una concerto per pianoforte, tenore, soprano e baritono che hanno eseguito arie dal Frà Diavolo di Auber.

Dal 9 all'11 agosto ArtetecaTeatro Musica ha riproposto lo spettacolo 'N Angelo chiammato Diavolo di Pasquale Valentino.

Per gli eventi futuri consultare la voce:appuntamenti ad Itri.

------------------------------------------------------------------News 2006------------------------

Incontro con l'autore: lunedì 24 luglio con Valerio Massimo Manfredi .

Sarà una serata dedicata all’avventura, alla storia antica ed al piacere di raccontarla quella che lo scrittore Valerio Massimo Manfredi trascorrerà con gli appassionati di letteratura al Castello Medioevale di Itri., lunedì 24 luglio alle 21,15. L'occasione sarà offerta dalla presentazione del libro “L’impero dei Draghi”, pubblicato da Mondadori.La serata prevede anche una sessione di Jazz Live con Tatè Nsongan alla chitarra e percussioni e la voce di Saba Anglana.

----------------------------------------------------------------------News 2006---------------------

L'Infiorata di Itri:appuntamento rispettato, il 18 giugno, con tanta folla.

La tradizionale Infiorata è ritornata ad Itri, Latina, domenica 18 giugno in occasione della festa del Corpus Domini, promossa dalla Pro Loco, dal Comune e dagli altri enti locali. Come di consueto, nella notte precedente gli autori dei bozzetti hanno iniziato la preparazione dei disegni che con il passare delle ore si sono andati colorando .E' nelle prime ore del mattino è avvenuto il "miracolo" dei grandi quadri a soggetto religioso, di solidarietà, di amore, di esaltazione della natura che hanno iniziato a prendere vita tra l'ammirazione di paesani e turisti.Quella dell'Infiorata è un'occasione che vede coinvolti giovani e anziani, senza alcuna distinzione sociale, ma è anche sempre un'avventura piena di incertezze a causa della scelta di utilizzare quasi esclusivamente fiori freschi.Le condizioni atmosferiche e le "bizze", non sempre comprensibili, del "mercato", hanno creato non pochi problemi con scelte che hanno costretto gli organizzatori a modifiche fino all'ultimo momento. Ma, forse, anche questo è il bello dell'Infiorata: una grande lavoro collettivo, mosso dalla passione di un gruppo promotore, che riesce a dare vita una uno spettacolo di colori, ma anche di fede. Da alcuni anni anche la processione serale "rispetta" i quadri che si sviluppano lungo Via della Repubblica e che ricoprono anche alcune piazzette del centro-storico attorno al Castello.Infatti,soltanto il sacerdote con l'ostensorio contenete l'ostia sacra, il Corpo di Cristo, cammina delicatamente sui fiori, mentre il resto dei fedeli scorre lateralmente facendo così vivere ancora l'Infiorata. Quest'anno sono stati presenti ad Itri anche alcuni sindaci della Campania, tra i quali quello di Baronissi, in Campania, la località dove duecento anni fa Michele Pezza, Frà Diavolo, concluse con l'arresto la sua lunga avventura che culminò con la morte in Piazza del Mercato a Napoli.

--------------------------------------------------------------------News 2006---------------------

Giovanni Agresti riconfermato Sindaco di Itri, con un scarto di 35 voti.

Elezioni al cardiopalma quelle comunali ad Itri dove il Sindaco Giovanni Agresti, e la maggioranza di centro-destra sono stati riconfermati “per un pugno di voti”. Il centro-sinistra, che portava come sindaco Italo La Rocca, ha messo in campo una serie di candidati al Consiglio comunale che gli hanno permesso una rimonta, rispetto alle votazioni precedenti, ottenendo 3228 voti, pari al 49,7 per cento. Trentacinque in meno del centro-destra che con 3.263 voti, pari al 50,3 per cento, ha conquistato gli undici consiglieri di maggioranza, contro i cinque assegnati al centro-sinistra.

Non sono mancate le polemiche a vari livelli e qualcuno ha evocato le similitudini con il piano nazionale: anche ad Itri il voto ha meso in evidenza una netta spaccatura degli elettori. Giovanni Agresti,da parte sua, ha dichiarato di volere essere “il sindaco di tutti e non solo della maggioranza che mi ha appoggiato”. Ed ha aggiunto: “il responso ci impone un'apertura verso il centrosinistra e, sicuramente, saremo più attenti a recepire i suggerimenti dell'opposizione».

------------------------------------------------------NEWS 2006-----------------------------------

Premio Letterario "Maria Valente": selezionati i vincitori 2006.

Selezionati, ad Itri, i vincitori della seconda edizione del Premio Letterario “Maria Valente”, organizzato dalla Associazione Pro-Loco e dal Comune di Itri – Ufficio Cultura, con il contributo del signor Nicola Oscuro. La manifestazione, nata per ricordare una donna vissuta nell’arte, ha come finalità quella di stimolare e valorizzare le capacità critiche e creative degli studenti nell’ambito della narrativa. Il tema di quest’anno tendeva ad esaltare l’amicizia con gli animali: “Per sempre fedele!... un amico a quattro zampe (un’esperienza che hai avuto o vorresti vivere con “ un amico a quattro zampe”)

La Giuria, composta dalla poetessa Maria Cardi, dai professori Francesco Paolo Ciccone e Domenico Del Bove e dall’insegnante Edda De Simone, ha scelto i sei vincitori per le due categorie.

Quella riservata agli studenti delle Scuole Elementari vede come prima classificata Maria Isabella Cristofari, seguita da Giovanni Ciano e da Greta Cervone.

I Premi riservati agli studenti della Scuola Media vedono al primo posto Remo Martella, seguito da Sara Ialongo e da Marzia Leotta.

----------------------------------------------------------------News 2006---------------------------

IL 28 e 29 maggio si vota a Itri per Sindaco e Amministrazione Comunale.

Quindici milioni di italiani ritornano a votare, il 28 e 29 maggio,per il rinnovo di 1268 Comuni, tra cui Roma, Milano,Torino, Napoli e Cagliari, e per eleggere i Presidenti della Regione Sicilia e di otto Province. Anche ad Itri ( 8.749 abitanti) si voterà per l'elezione del Sindaco ed il rinnovo dell'Amministrazione Comunale. I seggi saranno aperti dalle ore 8 alle 22 del 28 e dalle 7 alle 15 del 29 maggio.Le operazioni di scrutinio, ha reso noto il Ministero dell'Interno, avranno inizio lunedì 29 maggio, al termine delle operazioni di voto e di riscontro del numero dei votanti. In caso di effettuazione del turno di ballottaggio per l'elezione dei presidenti di provincia e dei sindaci di comuni, si tornerà a voterà domenica 11 giugno, sempre dalle ore 8 alle 22, e lunedì 12 giugno, dalle 7 alle 15.

------------------------------------------------------------------News 2006-----------------------

Un Comitato per ricordare i 200 anni dalla morte di Frà Diavolo.

Un Comitato è al lavoro da alcune mesi per dare vita, soprattutto in settembre, ad una serie di iniziative per ricordare i duecento anni della morte di Michele Pezza avventa a Napoli, per impiccaggione, sulla piazza del Mercato il 12 novembre 1806 ad opera dei francesi che vollero, così, mettere fine alla vita dell'uomo che tanti problemi aveva creato al loro potente esercito nelle due occupazioni del Regno di Napoli. A nulla valsero gli interventi inglesi che chiesero a Napoleone la salvezza della vita del Colonnello Pezza. Al di là delle divisioni storiche, Frà Diavolo rimane un personaggio importante nella storia a cavallo tra il settecento ed i primi dell'ottocento e lo testimoniano: l'ampia letteratura, la grande attenzione avuta anche dai suoi nemici, gli artisti e registi che si sono ispirati, sia pure liberamente, alla sua storia ed alle sue avventure.Un'attenzione ed un fascino che ancora oggi sono vivi tanto che il nome di Frà diavolo è conosciuto in tutto il mondo.

Tra le iniziative in cantiere:convegni, rassegne cinematografiche, mostre, spettacoli teatrali e la seconda edizione di un concorso di vignette umoristiche: perchè su Frà Diavolo si può anche ridere, nonostante la drammaticità dell'esistenza e della morte sua e di tanti che combatterono per la loro terra.

-----------------------------------------------------------------------------News 2006------------

Pasqua: una festa vissuta secondo la tradizione.

Il ritorno ad Itri in occasione della Pasqua, per quanti possono farlo, è una tradizione che molti ancora oggi rispettano ,nonostante un proverbio popolare dica il contrario.Il piccolo paese, nonostante l'invasione delle auto, la "modernizzazione", offre ancora uno spirito diverso, più raccolto, più genuino per le celebrazioni della Settimana Santa.Il canti liturgici, la cerimonia del lavaggio dei piedi, il giro dei Sepolcri, così come lo sono state le celebrazioni della Domenica delle Palme con la benedizione dei ramoscelli di olivo e dei "tortani", che ancora molti fanno in casa e portano infiocchettati,hanno ancora un sapore genuino.Anche la Processione del Venerdì Santo, che si snoda di notte lungo il paese a lume delle candele, è un momento ancora molto sentito.Poi, dopo il silenzio del sabato, arriva lo scampanio che accompagna la Resurrezione di Cristo ed è quello il momento in cui i suoni nel piccolo paese assumono una percezione diverso da quello dispersivo della grande città. Non mancano, per chi non ha legami familiari, i richiami della buona cucina,delle bellezze artistiche e della semplice ospitalità e...magari la possibilità di fare un salto, nella vicina Sperlonga, per un primo bagno di stagione.

A quanti, itrani nel mondo, non possono ritornare l'augurio sincero di una Buona Pasqua.

-------------------------------------------------------------------News 2006---------------------

-

19 Marzo: grande folla nei quartieri di Itri per i tradizionali Falò di San Giuseppe.

Come vuole la tradizione, il 19 marzo, Festa di San Giuseppe, è caratterizzato ad Itri dai Falò accesi nelle piazze principali dei diversi rioni del centro storico.E' la festa della primavera che arriva e ricorda quando i falegnami, anticamente, facevano pulizia nei loro negozi ed accatastavano gli scarti all'aperto che poi venivano bruciati per festeggiare il loro protettore.

Quest'anno,nonostante, il tempo non favorevole, una grande folla ha invaso le strade del centro storico di Itri anche grazie alla segnalazione fatta da Napoleone Sgrugli sull'inserto Viaggio di Repubblica. per assistere all'accensione delle grandi cataste di legna, avvenuto puntualmente alle 20.00, di domenica, dopo la sparo di un colpo di petardo. Grande attrazione anche la preparazione e la degustazione dei tradizionali dolci conosciuti come "zeppole" e degli altri piatti tipici locali. Il tutto accompagnato dal buon vino ed al suono di gruppi musicali.I preparativi erano partiti diversi mesi prima ed hanno visto impegnati i rispettivi Comitati Rionali con il coordinamento della Pro-Loco e dell'Amministrazione comunale.

Uno dei luoghi storici della festa dei Falò e delle zeppole è stato lo Straccio, lungo l'antica via Appia che attraversa il paese, in direzione Roma, dove si è svolta la zeppolata, con vecchie e nuove generazioni di donne e uomini impegnati nella preparazione del tradizionale dolce, la cui ricetta potete trovare su questo sito alla voce Tradizioni e artigianato.

Dal lato opposto, sempre sulla via Appia antica, in direzione sud, due gli appuntamenti, molto frequentati, nella zona di Sant Gennaro: Largo Orticelli,dove si sono preparati quintali di salciccia e patate e Largo dei Campi, dove cuochi e cuoche di differenti generazione hanno sfornato in continuazione pasta e salciccia.

Nel rione Sant'Angelo, nei pressi del Castello Medioevale, nella parte alta del paese, è stato possibile degustare bruschetta con fagioli, pizza e olive. Ma sono ancora tre gli appuntamenti, per gli itrani ed i turisti, con i falò e con la cucina locale: a Largo Staurenghi dove si sono preparati broccoletti e salciccia; alla Madonna delle Grazie, nei pressi dell'omonima Chiesa all'ingresso nord del paese dove il piatto principale sono stati i vermicelli conditi con il sugo alle olive ed, infine, a Piazza Umberto I, nel centro del paese, davanti alla sede comunale, dove si sono potute degustare le penne di San Giuseppe. In tutti rioni musica a volontà,da quella tradizionale a quella moderna e balli, in qualche momento con gli ombrelli, ma con tanta voglia di godersi la festa fino in fondo. Nelle diverse zone è stato anche possibile acquistare, in appositi stand, i prodotti tipici locali: dall'olio alle olive in salamoia,dalle salcicce ai sottaceto.

----------------------------------------------------------------News 2006------------------------

"Avevo fame.... Avevo sete...": un libro di Orazio

La Rocca sulla figura di Luigi Di Liegro "il prete degli ultimi".

Originario di Gaeta, Luigi Di Liegro era uno di quei sacerdoti che hanno fatto della loro vocazione una coerente scelta di vita. Partito dalla provincia, una terra che aveva conosciuto la povertà e la fame del dopoguerra, nella grande città era andato alla ricerca dei più umili, dei derelitti, di quelli che ancora oggi ricordano le condizioni di tanti immigrati italiani nelle Americhe,in Australia, in Europa.Storie che Don Luigi conosceva, che aveva raccolto da parenti, amici, fedeli e che ha ben tenuto in mente nella sua scelta di essere uomo di fede, di carità e di speranza.

Per questo, Orazio La Rocca, sensibile giornalista attento ai valori religioso, ma contemporaneamente a quelli umani, della dignità dell'uomo, ha voluto ricordare il prete che Giovanni Paolo II definì "il profeta dei poveri e degli ultimi” in un libro di 130 pagine, pubblicato dalle edizioni Studium. Un libro la cui prima presentazione al pubblico è avvenuto in un luogo simbolico della lotta alle disuguaglianze di Roma, l’Ostello Caritas di via Marsala, la più importante delle "creature" di don Di Liegro insieme agli altri centri di accoglienza e le mense sociali per poveri ed immigrati.

Nel libro si raccontano i momenti salienti della sua vita di prete dedicata agli ultimi, le sue scelte radicali a favore dei più bisognosi, le notti d’inverno trascorse accanto ai senza fissa dimora, la sua ultima omelia tenuta tra gli amici poveri e i volontari dell’Ostello di Via Marsala, e il racconto della sua scomparsa attraverso le testimonianze e il pianto di chi l’amò.
Primo Direttore della Caritas Diocesana di Roma, scomparso il 12 ottobre 1997, don Luigi Di Liegro è quello che molti oggi − cattolici, non cattolici, credenti, non credenti, politici di tutti gli orientamenti − indicano come modello da imitare per la lotta ad ogni forma di povertà e di esclusione sociale.
La prefazione del libro − i cui proventi l’autore destinerà alla Fondazione Internazionale Don Luigi Di Liegro − è firmata da monsignor Guerino Di Tora, Direttore della Caritas Diocesana di Roma, seguita da una testimonianza di Luigina Di Liegro, nipote di don Luigi e Segretario Generale della Fondazione a lui dedicata.

---------------------------------------------------------------News 2006 ---------------------------------

Indettta la seconda edizione del Premio Letterario "Maria Valente".

In ricordo di, Maria Valente, una signora itrana deceduta nel maggio del 2004 anche quest’anno l’associazione Pro-loco ed il Comune di Itri – Ufficio Cultura- con il contributo del signor Nicola Oscuro promuovono la Il PREMIO LETTERARIO “ MARIA VALENTE” giunto alla seconda edizione.

La manifestazione nasce per ricordare una donna vissuta nell’arte, ma vuole stimolare e valorizzare le capacità critiche e creative degli studenti nell’ambito della narrativa.

Il tentativo è rivolto a favorire e a recuperare appunto tutte le abilità “sommerse” degli allievi e a rendere visibili, in una libera gara culturale, le attitudini e gli interessi creativi e critici. I lavori dovranno essere consegnati entro il 30 aprime e la cerimonia di premiazione si svolgerà il 16 maggio.

Questo il regolamento:

Art. 1- Il premio “Maria Valente” è aperto a tutti gli studenti della Scuola Media S. Giovanni Bosco ed agli alunni delle classi IV e V elementare di Itri.

Art. 2- La manifestazione si svolgerà in Itri il giorno 16 Maggio, nell’aula consiliare.

Art. 3- I lavori degli studenti devono essere consegnati in triplice copia, entro il 30 aprile alla sede dell’associazione

Art. 4- Il premio letterario “Maria Valente” sarà il testo libero di un racconto – max 2 pagine formato A4- a tema : Per sempre fedele!... un amico a quattro zampe ( racconta un’esperienza che hai avuto o vorresti vivere con “ un amico a quattro zampe”)

Art. 5- Non verranno presi in esame elaborati già pubblicati.

Art. 6- I partecipanti allegheranno ai lavori una scheda per le rilevazioni anagrafiche.

Art. 7- Ai partecipanti sarà consegnato apposito attestato.

Art.8 -Per ciascuna categoria di scuola sono fissati i seguenti premi:

Al primo classificato: coppa del premio e un buono acquisto libri di € 250,00.

Al secondo classificato: targa del premio e buono acquisto libri di € 150,00.

Al terzo classificato targa del premio e buono acquisto libri di € 50,00.

Agli insegnanti che hanno curato i lavori dei vincitori verrà consegnata la targa del premio

Art. 9 La Segreteria Del Premio si riserva il diritto di pubblicare i lavori pervenuti in un volume.

Il ricavato della vendita del libro sarà inviato alle popolazioni dell’Africa flagellate dalla guerra civile tramite il progetto FAO TELEFOOD.

Art. 10- I lavori consegnati non saranno restituiti.

Art. 11- La commissione del Premio valuterà a suo insindacabile giudizio le opere più valide per creatività, originalità ed espressione.

Art. 12- La commissione del premio è così composta:

· Maria Cardi, Poetessa

· Domenico De Bove, Professore

· Stefania Mancini, Professoressa

· Un Insegnante della Scuola Elementare

· Un Professore della Scuola Media

Art. 13 La partecipazione al premio è gratuita e comporta l’accettazione di tutte le norme contenute nel presente regolamento

-------------------------------------------------------------------------News 2006------------------

Il 20 gennaio ha compiuto 103 anni Loreta Fargiorgio. Auguri!

Un altro ultracentenario è stato festeggiato ad Itri. Si tratta della signora Loreta Fargiorgio che il 20 gennaio 2006 ha compiuto ben 103 anni. Un traguardo invidiabile ma che non è più tanto eccezionale soprattutto per quanti hanno vissuto negli anni difficili del primo novecento, attraversando due conflitti bellici e sopravvivendo ad una vita che ad Itri, come negli altri paesi agricoli del resto dell'Italia, era particolarmente difficile, fatta di stenti e di difficoltà. A nonna Loreta siamo certi di fare gli auguri anche a nome degli itrani che nel mondo seguono attraverso questo sito internet la vita della comunità di Itri.

----------------------------------------------------------------------News 2006--------------------

Dal 19 gennaio riitorna il festival di musica e cultura tradizionale.

Nuova eccezionale edizione del Festival di Musica e Cultura Tradizionale “La Zampogna”, appuntamento di pieno inverno che coinvolge studiosi, musicisti, appassionati ma anche un sempre più numeroso e curioso pubblico che dimostra una nuova generale attenzione, verso il folklore in generale, ed in particolare verso questo importante strumento della tradizione popolare italiana.Ad ospitare la manifestazione saranno, dal 19 al 22 gennaio, i centri di Maranola,Ausonia, Itri, Fondi e Formia.

Il Festival di quest’anno, giunto alla tredicesima edizione, è soprattutto un programma di attività ricchissimo, articolato in varie località dell’area del sud pontino, con musicisti che arrivano da varie regioni musicali, anziani suonatori e giovani studenti, costruttori e compositori che parteciperanno a seminari, concerti, performance, stage.

Molti i musicisti presenti e le attività in programma. Tra gli ospiti e gli appuntamenti in particolare da segnalare, la partecipazione strordinaria del musicista asturiano Hevia e del solista di qanun siriano Abdullah Chhadeh. I concerti di Ambrogio Sparagna, dei calabresi Phaleg, dei lucani Totarella e del duo sardo di Orlando Mascia e Bruno Camedda e tanti altri musicisti giovani ed anziani, italiani e stranieri che animeranno i concerti, i seminari, gli incontri.

Ma il Festival è un’occasione soprattutto per ascoltare della buona musica ed incontrare dei validi musicisti, per acquistare strumenti, ance, libri e riviste specializzate, dischi ed altro nell'ambito della mostra-mercato e per stabilire nuovi contatti “sotto il suono della zampogna”.

Il Festival “La Zampogna” è partner italiano dell’EFWMF. European Forum of World Music Festivals (40 festival di folk più importanti in Europa). In coincidenza della XIII edizione è in programma la realizzazione dell’incontro annuale dell’EFWMF che vedrà la presenza qualificata di circa 20 organizzatori di Festival europei, da Parigi a Madrid, da Anversa a Oslo, da Budapest a Lubiana.

Il programma:

AUSONIA - 19 Gennaio, Chiesa Madonna del Piano - h. 19.00 CONCERTO Discantus.

Repertori per voci e ance

ITRI - 20 Gennaio - Museo del Brigantaggio -

h. 15.00 -SEMINARIO di STUDI Briganti. Musiche e Storie

a cura dell'Istituto di Storia e di Arte del Lazio Meridionale

h. 18.00 -Trio Aurunka. Piccolo Concerto di Zampogne

FONDI - 20 Gennaio -Auditorium Comunale -

h. 19.00 CONCERTO della SERA-

Emanuele Licci (Grecìa Salentina)

Ambrogio Sparagna Quintet

FORMIA - 21 Gennaio -Sala SICUREZZA -

h. 17.30 SEMINARIO DI STUDI

QANUN. La cetra trapezoidale della musica araba ,a cura di Abdullah Chadeh.

- h. 19.00 CONCERTO del VESPRO

Orlando Mascia e Bruno Camedda (Sardegna)

-Multisala del Mare - h. 21.30 CONCERTI della NOTTE

Totarella (Basilicata), Abdullah Chhadeh (Siria), Phaleg (Calabria)

e la partecipazione straordinaria di HEVIA (Spagna)

MARANOLA - 22 Gennaio

-h. 10.00 -Madonna degli Zampognari - Piazzetta S. Antonio Abate

MUSICA del BUON MATTINO

Canti Votivi con A Paranza d’O Lione

Arie di Festa con Is Launeddas di Orlando Mascia

-h 11.45 -Centro Studi ”A. De Santis” Torre Cajetani

Raffaello Simeoni. Nuove Musiche dall’Italia centrale

Gaida Asturiana. Le cornamuse delle Asturie spagnole con HEVIA

-h.15.00 -Centro Studi ”A. De Santis” Torre Cajetani -SEMINARI DI STUDI

Strumenti Tradizionali in Calabria a cura di Antonio Critelli

La Zampogna in Italia a cura di Mauro Gioielli (presentazione libro)

1990-2005, quindici anni dalla parte dell'otre. Video a cura del Circolo

della Zampogna di Scapoli

-h 16.30 -Chiesa SS: Annunziata - GRAN CONCERTO di CHIUSURA

I SUONI DEL VESPRO

A Maranola saranno visitabili anche:

MOSTRA DI STRUMENTI, MOSTRA FOTOGRAFICA, MOSTRE-MERCATO DI STRUMENTI MUSICALI, CD, LIBRI, PERCORSI ENOGASTRONOMICI, STAND PRODOTTI TIPICI

Per Informazioni: 338-6263549 / PROGRAMMA AGGIORNATO su www.finisterre.it

-----------------------------------------------------------------------News 2005/6------------------

Canzoni tradizionali, musica e solidarietà:ingredienti del Natale ad Itri .

I grandi abeti storici del paese addobbati e le strade ricoperte di stelle e piogge luminose accolgono, all'ombra del Castello Medioevale, quanti giungono ad Itri in occasione delle Feste natalizie e di fine d'anno.Naturalmente, ci sono i tradizionali presepi nelle Chiese,gli addobbi dei negozi e le tante prelibatezze locali. Ma vi è anche un ricco programma di appuntamenti musicali,curati dall'Amministrazione comunale con la collaborazione delle associazioni culturali, che offre un ulteriore interesse per il Natale itrano 2005.

Si comincia proprio il giorno di Natale, il 25 dicembre, nella Chiesta di Santa Maria Maggiore,alle 19,30 con “NATALEA” . Canti e letture sulla festa del Natale nella tradizione della cultura popolare interpretati dal “TRIOTARANTAE”.

Il 26 dicembre, presso la Struttura Geodetica, la Banda Comunale di Itri e gli allievi dell'Associazione Musicando di Itri daranno vita al “Concerto di Santo Stefano”, eseguendo brani di musica leggera e natalizia.

Il 30 dicembre si terrà, sempre presso la Struttura Geodetica Comunale, alle ore 20.00 , il “Fine anno in solidarietà”, una manifestazione dedicata agli anziani con canti, balli e recite,organizzato in collaborazione con il circolo AUSER di Itri .Animerà la serata il Coro spettacolo “Marga e Itriatranti”.

Il 2006 verrà salutato il primo gennaio, alle 19.00 , presso l'Aula consiliare del Comune con il “Concerto di Capodanno” eseguito dalla Banda Musicale Città di Itri, con brani di musica leggera e natalizia.

--------------------------------------------------------------------News 2005-----------------------

”Avevo fame…..Avevo sete...”: biografia di monsignor Luigi Di Liecro scritta da Orazio La Rocca.

Orazio La Rocca, vaticanista de “La Repubblica”,ha presentato a Roma, simbolicamente, nell’Ostello di Via Marsala 109, alla Stazione Termini, il suo ultimo libro:”Avevo fame…Avevo sete...”. Sono intervenuti alla presentazione :monsignor GUERINO DI TORA attuale direttore della Caritas Diocesana di Roma, GIUSEPPE DE RITA, Segretario Generale del Censis, RAFFAELA MILANO, Assessore alle Politiche sociali e Promozione della salute del Comune di Roma, e il vescovo LUIGI MORETTI, Vicegerente di Roma.

Il libro è dedicato alla figura di monsignor Luigi Di Liecro uomo-simbolo della lotta alla povertà a Roma che come direttore della Caritas ha impresso una svolta alla politica di attenzione e di assistenza ai tanti deleritti che convergono in una grande capitale. L’opera simbolo della lotta alle disuguaglianze di Roma, l’Ostello Caritas di via Marsala; i centri di accoglienza e le mense sociali per poveri ed immigrati. Ma anche i momenti salienti della sua vita di prete dedicata agli ultimi, le sue scelte radicali a favore dei più bisognosi, le notti d’inverno trascorse accanto ai senza fissa dimora, la sua ultima omelia tenuta tra gli amici poveri e i volontari dell’Ostello di Via Marsala, e il racconto della sua scomparsa attraverso le testimonianze e il pianto di chi l’amò.

Tutto questo è, in sintesi, il libro “Avevo fame... Avevo sete...”, di Orazio La Rocca , pubblicato dalle Edizioni Studium. Sono 130 pagine scritte in ricordo di monsignor Di Liegro, il primo Direttore della Caritas Diocesana di Roma, scomparso il 12 ottobre 1997, il prete che Giovanni Paolo II definì “il profeta dei poveri e degli ultimi” e che molti oggi − cattolici, non cattolici, credenti, non credenti, politici di tutti gli orientamenti − indicano come modello da imitare per la lotta ad ogni forma di povertà e di esclusione sociale.

La prefazione del libro − i cui proventi l’autore destinerà alla Fondazione Internazionale Don Luigi Di Liegro − è firmata da monsignor Guerino Di Tora, Direttore della Caritas Diocesana di Roma, seguita da una testimonianza di Luigina Di Liegro, nipote di don Luigi e Segretario Generale della Fondazione a lui dedicata.

-----------------------------------------------------------------------------News 2005--------------

Terzo romanzo di Eugenio Cardi: "Spezie, budella ed accessori per macelleria".

Terzo appuntamento con il romanzo per Eugenio Cardi. In occasione della Fiera dei piccoli editori,"Più libri, Più liberi" che si è svolta dall'8 all'11 dicembre al Palazzo dei Congressi di Roma, nello stand di Giulio Perrone Editore, è stato presentato il nuovo lavoro di questo romanziere particolare che dedica alla scrittura il tempo libero che gli lascia l'attività di assicuratore.

"Spezie, budella ed accessori per macelleria" è un romanzo psicologico ambientato nella Sicilia degli anni '80. Ha quale protagonista Rosario, macellaio cinquantacinquenne che in vita sua non ha mai messo piede fuori dall'Ortigia - centro storico di Siracusa. Lì è il suo negozio, la sua famiglia e Carmela, la sua grassa e irrequieta amante. Rosario prova a tracciare un primo bilancio della sua vita; il risultato è però alquanto deludente. Si accorge di aver vissuto fino ad allora solo ed unicamente per sezionare i quarti di vacca che acquista da Salvo, suo fraterno amico, per poi rivenderli - fatti a pezzi più piccoli - ai suoi clienti.
La sua famiglia è un'ulteriore fonte di continue delusioni: sua figlia Sebiana si è presto separata dal marito donnaiolo e si è rifugiata, con prole al seguito, a casa sua. Suo fratello Sebastiano - persona debole e disadattata - ha smesso di lavorare (dopo la perdita della moglie) ed è dedito all'alcool.Rosario non trova quindi grossi punti di entusiasmo nella sua vita e si lascia vivere passivamente, non riuscendo a cambiare la realtà che lo circonda. Sarà proprio però dall'improvvisa scomparsa di Sebastiano - sparito senza lasciar traccia alcuna - che lui piano piano, seguendo le orme del fratello scoprirà un mondo a lui sconosciuto e potrà riconquistare fiducia nelle proprie azioni e nelle persone che lo circondano.
La prossima presentazione di "Spezie, budella ed accessori per macelleria" (Giulio Perrone Editore) si terrà a Roma, il 20 dicembre 2005, alle ore 21.00 presso la Fondazione Antonio Valentino ONLUS, Viale Angelico 2. A presentare il romanzo sarà il Presidente della Fondazione Avv. Pierluigi Valentino

--------------------------------------------------------------------------News 2005-------------

Frà Diavolo alla Settimana della Lingua Italiana nel mondo.

Per quanti anno consecutivo il Ministero degli Esteri italiano ha promosso la Settimana della Lingua e della Cultura italiana che in tutto il mondo è stata organizzata dagli Istituti Italiani di Cultura, in collaborazione con la Società Dante Alighieri, le scuole italiana ed altre istituzioni culturali.Le iniziative, in gran parte concentrate dal 23 al 29 0ttobre, si prolungheranno in molti casi per un paio di mesi. Tra le iniziative si è svolto anche il concorso internazionale, riservato agli studenti delle scuole italiane nel mondo, “Scrivi con me”. Si tratta di una formula che prevede la scrittura di un breve racconto originale da parte di un grande scrittore italiano il cui finale viene omesso e, in pratica,sono gli studenti che devono immaginare quale potrebbe essere questo finale.

Nell’ultima edizione ai partecipanti al concorso è stato sottoposto il racconto “La fuga a Verona” di Carlo Sgorlon, scrittore sempre solitario e anticonformista,lontano dal gusto corrente e da ogni posizione rigidamente ideologica.

“La fuga a Verona” racconta la storia del giovane Jacopo, scappato di casa per inseguire un sogno fatto di musica. E in questo viaggio” è accompagnato anche da riferimenti a Frà Diavolo. Il primo quando acquista tre cappelli: “uno per il sole, uno per le offerte ed uno a punta, nero,perché gli piaceva, ricordandogli i Masnadieri di Schiller, che Agnes gli aveva fatto leggere,o Frà Diavolo, da cui un paio di grandi musicisti erano stati ispirati”. E, proprio quel cappello, secondo il giovane, aiutava a calamitare l’attenzione della gente richiamata, in realtà, dalla sua bravura di musicista. Ma Jacopo pensava che “ forse desiderava davvero essere una specie di Frà Diavolo, rubare ai ricchi per dare ai poveri? Sentiva il fascino del masnadiere, ma capiva che era legato ai miti ed alle leggende ottocenteschi, che potevano vivere soltanto nel ricordo”. Il giovane Jacopo decide di rifarsi vivo con i genitori dopo avere confermato e affermato la propria vocazione di musicista , anche se l’incontro con la famiglia viene fatto vivere in dodici modi diversi dai giovani concorrenti vincitori: albanesi, francesi, rumeni, iraniani,svizzeri,eritrei, marocchini, greci spagnoli e russi.

-----------------------------------------------------------------------------------News--------------

Visite al Castello Medioevale di Itri:orari invernali.

Nel periodo invernale le visite al castello Medioevale di Itri, a cura della Associazione Pro-Loco, si potranno effettuare il giovedì , il sabato e la domenica dalle 16.00 alle 19.00. La domenica, oltre all'apertura pomeridiana, è prevista anche una quella mattutina dalle 10.00 alle 12.00. Le visite di scolaresche e gruppi possono avvenire anche in altri giorni ed orari su appuntamento, telefonando ai numeri :0771 732107 -cell. 3343757304 oppure inviando un fax al numero 0771-721108.

Il Centro di Informazioni Turistiche, in Piazza Umberto I ad Itri, sarà aperto -in inverno- dal lunedì al sabato, dalle 16.00 alle 18.00.

------------------------------------------------------------------------------------News------------

Si è svolta il 29 agosto- al Castello Medioevale di Itri - una Cena di Gala a sostegno dei progetti di sviluppo agricolo del programma TeleFood-FAO.

Per il secondo anno,sul terrazzo del Castello Medioevale di Itri, Latina, si è tenuitala Cena di Gala destinata a sostenere i progetti di sviluppo del programma TeleFood della Fao, l'organismo delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura.Una serata magica, con un menù particolare curato dalla Condotta SlowFood di Itri ed accompagnati da vini del Lazio.Ma. soprattutto, un'occasione per contribuire concretamente al sostegno dei microprogetti che permettono a donne, uomini e bambini di avere un futuro migliore.L'iniziativa della associazione Pro-Loco e del Comune di Itri, rientra nelle iniziative di sensibilizzazione e di sostegno ai problemi dell'alimentazione mondiale previste dal protocollo d'accordo siglato dall'Amministrazione Comunale con la FAO. L'iniziativa ha permesso di raccogliere 1.600 euro che si vanno ad aggiungere ai fondi raccolti con le altre inizaitive.Nel corso della serata è stato letto un messaggio di Majid Chaar, responsabile dei progetti TeleFood FAO che ha sottolineto come i 6.400 euro raccolti e consegnati all'oragismo internazionale nel 2004 siano stati utilizzati negli interventi destinati alla ricostituzione delle piccole realtà produttive nelle zone colpite dallo Tsunami ed, in particolare, per l'acquisto di impianti di refrigerazione destinati alle cooperative di donne.Ogni somma raccolta, anche la più piccola, ha sottolineato il responsabile TeleFood trova nei mini progetti di sviluppo locale una precisa utilità che permette di dare una rsiposta concreta ai bisogni delle popolazioni più povere.Spesso basta un grande frigorifero, un mezzo di trasporto, un orto scolastico, una barca per aiutare lo sviluppo di piccole attività agricole o di pesca o per integrare l'alimentazione dei ragazzi.E le donne in questo settore hanno un ruolo decisivio.

----------------------------------------------------------------------------------News 2005-------------

Al Museo del Brigantaggio:

presentato un nuovo libro su Frà Diavolo .

Un nuovo libro su Frà Diavolo dal titolo “Il colonnello Michele Pezza- Protagonista dell’insorgenza in Ciociaria e Terra del Lavoro 1798-1806” è stato presentato ad Itri , mercoledì 31 agosto, alle ore 21.00, presso il Museo Demoantropologico del Brigantaggio. All’incontro con l’autore, Pino Pecchia, hanno partecipato esponenti istituzionali e politici locali. Il sociologo Crescenzo Fiore ha parlato su “Illuminismo e controrivoluzione”,mentre il professor Massimo Viglione docente di storia moderma dell’Università di Cassino ha illustrato "il fenomeno delle insorgenze italiane". Sul tema della “Deriva morale e culturale del Mezzogiorno italiano è intervenuto padre Antonio Rungi, giornalista, Superiore provinciale dei Passionisti del Lazio sud e della Campania. Infine, Giuseppe Pennacchia, scrittore e studioso del brigantaggio, ha messo in relazione Frà Diavolo con il fenomeno del brigantaggio nel periodo precedente ed in quello successivo al Risorgimento. Nel corso della serata l’attore Pasquale Valentino ha letto alcune ottave del poemetto “Frà Diavolo” in dialetto napoletano di E. De Maura, accompagnato musicalmente da Ruggiero Ruggieri. Una parte del ricavato dei libri venduti nel corso della serata è stata destinato dall’autore al Progetto “Itri sostiene TeleFood”, programma Fao contro la fame nel mondo.

----------------------------------------------------------------------------------News 2005--------------

Premio Frà Diavolo 2005 al conduttore Fabio Canino.

Nell'ambito delle iniziative ItriArte 2005, venerdì 5 agosto, nell'anfitetaro del Castello Medioevale di Itri è stato consegnato il Premio Frà Diavolo, che al suo esordio, nel 2004, è stato assegnato a Gianni Ippoliti. L'idea è quella di"un premio dedicato a personaggi della televisione (e da quest’anno anche del teatro), protagonisti di trasmissioni più fuori schema, in qualche modo irriverenti e insoliti che, alla maniera del mitico Frà Diavolo,il brigante-eroe originario di Itri, scompigliano e ravvivano i format piuttosto soliti e consolatori del nostro piccolo schermo".

Il Premio Fra Diavolo|-I Briganti della Tivvù 2005 è andato a Fabio Canino, il popolare conduttore della trasmissione Cronache Marziane su Italia 1. All’attore napoletano Peppe Lanzetta, che ha presentato anche il suo spettacolo "Lanzetta suona sempre due volte", è andato il Premio Fra Diavolo|-I Briganti del Teatro. Alla scrittrice Fabrizia Ramondino, da molti anni residente a Itri, è stato assegnato il riconoscimento Itriarte Letteratura; al pittore itrano, Normanno Soscia, le cui opere sono esposte in diversi musei d’arte contemporanea del mondo, il riconoscimento Itriarte Pittura.

-------------------------------------------------------------------------------News 2005------------

I festeggiamenti a Cranston-USA- per il centenario della Festa della Madonna Civita ed un servizio sulle mostre di Salvatore Mancini:in onda su Qui Roma,notiziario tv di Rai International diffuso nel mondo.

Il quotidiano informativo di Rai International,Qui Roma, ha dedicato nelle edizioni del 7 e dell'8 agosto due servizi agli itrani nel mondo.Il primo di Stefano Salimbeni della redazione statunitense ha documentato i festeggiamenti a Cranston,nel Rhode Island, in occasione del Centenario della costituzione del Comitato per i festeggiamenti in onore di Maria Santissima della Civita, la Madonna patrona del paese di origine, Itri, in provincia di Latina. Nel servizio si sono stati mostrati i momenti salienti della processione con la statua della Madonna e della sfilata civile e sono stati ascoltati i membri della comunità itrana negli USA. Il secondo servizio è stato realizzato ad Itri dove,un altro membro storico della comunità italo-americana, il fotografo d'arte Salvatore Mancini ha esposto, per la prima volta, i lavori più importanti dei suoi trentacinque anni di attività artistica nel campo della fotografia.

--------------------------------------------------------------------------------News 2005-----------

Dopo Itri, Salvatore Mancini ha esposto al Castello Colonna di Genazzano (Roma)

dal 6 al 15 agosto.

Ottanta grandi fotografie in bianco e nero hanno permesso di ripercorrere, al Castello Colonna di Genazzano (Roma), i trentacinque anni di attività di Salvatore Mancini. Partito nel 1952 , a cinque anni,da Itri, in provincia di Latina, per gli Stati Uniti, Salvatore Mancini ha capito fin da giovanissimo che il fotografare e le fotografie sarebbero state “la sua voce”. Dopo molti anni (il successo negli Stati Uniti, le sue foto nei maggiori musei e in importanti collezioni private), il fotografo italo-americano è tornato in Italia per esporre alle Giornate Fotografiche Internazionali di Itri e successivamente al Castello Colonna di Genazzano(Roma)dal 6 al 15 agosto.

Per questa mostra ha selezionato opere da sei periodi del suo lavoro. Quello che si può definire “personale”, con le prime opere risalenti al 1970 rivolte alla ricerca di una identità ed un approccio poetico nel vedere le cose. Il periodo successivo è quello dei viaggi con la riscoperta del paese di origine “Itri” che gli fa rimettere l’uomo, la realtà, la documentazione al centro del suo lavoro in Nepal, India, Israele, Egitto e Perù.Un terzo gruppo di fotografie risale al 1984 allorchè gli venne richiesto dall’Ospedale Psichiatrico dello Stato del Rhode Island di documentare il processo di chiusura di questa struttura statale ed il conseguente trasferimento dei pazienti in case-famiglia all’interno della comunità.” Le fotografie-dice Salvatore Mancini- sono un enfatico riconoscimento di quella particolare condizione umana, così ricca di speranza e disperazione”.

Dieci anni sono stati dedicati dal fotografo alla ricerca sui graffiti degli indiani d’America:un libro aperto pieno di informazioni, di spunti poetici e spirituali che ha affascinato Salvatore Mancini. E dalle testimonianze del passato più remoto e giunto a documentare il passato della rivoluzione industriale che nel XVIII secolo sbarcò in America, a Pawtucket, nel Rhode Island. La prima diga sul fiume Blackstone e la costruzione della prima fabbrica trasformarono il nord l’America per sempre. Questa serie di fotografie documenta il dinamico rapporto tra l’uomo ed il suo ambiente. Infine,l’inquinamento dei fiumi ed il recupero delle acque e del territorio. NARRAGANSETT BAY: è il cuore e l’anima dello stato del Rhode Island. Le sue 200 miglia (330 chilometri) di costa racchiudono le maggiori città e la storia dello stato. Nella baia sfociano sette importanti fiumi che scaricano rifiuti industriali ed umani, ed ora a causa dell’inquinamento e della pesca incontrollata la baia stenta a sopravvivere.

Le opera di Salvatore Mancini si possono trovare nelle collezioni permanenti dei più importati musei americani come The Smithsonian Institution’s, National Museum of American Art, Boston Museum of Fine Arts, the Brooklyn Museum of Art, the Rhode Island School of Design Museum, Museum of Fine Art a Santa Fè, il San Diego Museum of Art, Contemporary Museum of Photography di Chicago.

Alcune delle sue foto si trovano in prestigiose collezioni private come Nortek Inc.; Bank of America; Citizens Bank; Polaroid Collection; Fedelity Investments e Archivi Fratelli Alinari in Italia.

Informazioni ulteriori su
Salvatore Mancini

--------------------------------------------------------------------------------News 2005--------------

Si è conclusa, il 21 agosto, al Castello Medioevale, ITRIArte 2005:teatro, musica, danza,eventi e la Festa della Tarita.

Iniziata il 4 agosto , si è conclusa il 21 agosto al Castello Medioevale di Itri, la seconda edizione di Itri Arte 2005 :tra gli eventi il concerto di musica napoletana del gruppo Ariò e la Mostra "I grandi della danza fotografati da Alessio Buccafusca".Sono seguiti il concerto di Peppe Lanzetta in "Lanzetta suona sempre due volte" e la consegna del Premio FraDiavolo "I Briganti della Tivvù....a" Fabio Canino per la tramissione Cronache Marziane su Italia 1.Il giorno di Ferragosto Massimo Masiello, ha presentato Mediterraneo Latino di Giovanni Angelo e Massimo Masiello. Il 16 agosto, c'è stato lo spettacolo a cura dell'Associazione Arteteca:Maddalena di Fortunato Calvino .Spazio al teatro giovane,mercoledì 17 agosto, con Soirée Varieté di e con Pasquale Valentino.Una serata di cabaret,il 18 agosto, con Maria Bolignano che ha presentato Zitellandia.La musica anni 70 è stata la protagonista della serata di venerdì 19 agosto con Tribute band to Bee'Gees , mentre la danza è stata la protagonista di sabato 20 agosto, con Le Traversée du Desert, drammaturgia e coreografia di Aurelio Gatti inserito nel Circuito Danza Lazio.
Gran finale domenica 22 agosto, in concomitanza con la Festa della Tarita e delle Lucerne, organizzata dal Comitato Pro Sant'Angelo e dalla Comunità Giovanile d Itri.Per tutta la giornata, è stato possibile andare alla scoperta del Borgo antico tra suoni, balli, canti e degustazioni.E' seguita la Notte della Taranta con il concerto Triotarantae di Emilio Ausiello.Infine, a mezzanotte il Palio della Pignatta.

------------------------------------------------------------------------------------News 2005----------

Prosegue, al Castello di Itri, la terza edizione delle "Giornate Fotografiche Internazionali" con tre Mostre :

"Itri nel tempo": le foto di Marcello Milana;"Il riso è vita / Rice is life":fotografi del mondo per la Fao e"I grandi della danza" fotografati da Alessio Buccafusca.

La terza edizione della Giornate Fotografiche Internazionali di Itri ,organizzata dall'Associazione Pro-Loco e dall'Archivio Milana, con il patrocinio dell'Aministrazione Comunale di Itri, Assessorato alle politiche culturali e di altri enti locali, si svolge -come di consueto- nelle storiche stanze del castello Medioevale.La mostra, che rimarrà aperta fino al 31 agosto ospita fotografi italiani e stranieri, in un serie di esposizioni di diversa durata.Uno spazio è dedicato alle foto di diciannove artisti di tutto il mondo, che hanno partecipato al concorso che si è svolto in occasione delll'Anno Internazionale del Riso indetto dalla FAO nel 2004.Sono esposte, come di consueto, cinquanta foto su "Itri nel tempo", dagli anni trenta agli anni sessanta,scattate da Marcello Milana e tratte dall'Archivio Milana che raccoglie quasi un secolo della vita di Itri. Infine,dal 4 al 25 agosto,uno spazio è dedicato al grande fotografo Alessio Buccafusca che presenta le foto dei "grandi della danza".L'iniziativa è curata dall'Associazione Laziospettacoli per ItriArte 2005 e si sviluppa contemporaneamente ad una serie di eventi teatrali e musicali che animeranno l'anfiteatro del Castello Medioevale. In precedenza,fino al 31 luglio, era stato dedicato un Omaggio al fotografo italo-americano, originario di Itri,Salvatore Mancini, con una mostra retrospettiva di trentacinque anni della sua attività di fotografo d'arte nel mondo, che ha esposto una ottantina di opere, realizzate in diverse fasi della sua creatività. Ingresso, dalle 18.00 alle 23.00 nei giorni feriali; fino alle 24.00 il sabato e la domenica quando la mostra è aperta anche al mattino.

-----------------------------------------------------------------------------------News 2005-----------------

Nuovo orario di apertura per le visite al Museo del Brigantaggio di Itri

Dal primo agosto modificati gli orari di visita al Museo del Brigantaggio di Itri la cui apertura è assicurata dalla Associazione Pro-Loco.

Martedì :dalle 20.00 alle 22.00

Mercoledì.: dalla 16.00 alle 19.00

Giovedì: dalle 20.00 alle 22.00

Venerdì: dalle 18.00 alle 20.00

Sabato: dalle 20.00 alle 22.00

Domenica: dalle 10.00 alle 12.00- e dalle 20.00 alle 22.00

-------------------------------------------------------------------------------News 2005---------------------

Presentato ad Itri il secondo romanzo di Eugenio Cardi: "Senza ritorno".

E' stato presentato,sabato 30 luglio, alle 21,15 in piazza Sandro Pertini ad Itri, il secondo romanzo di Eugenio Cardi "Senza Ritorno", pubblicato da Bonanni Editore. E' la storia di una donna meridionale, che si trasferisce a Roma, per convivere con un marito troppo spesso assente, che si intreccia con quella di altre due donne: la mamma di lui, donna anziana e dal comportamento rigido, e Delfina, una giovane e ricca donna-bene, soltanto apparentemente invidiabile."Il finale- come dice l'autore- è a sorpresa". A presentare il libro sono stati l'assessore alla cultura,Raffaele Mancini, i giornalisti Mario Pennacchia ed Augusto Milana edil pittore Normanno Soscia. Eugenio Cardi è impegnato da venti anni nel mondo del lavoro,come funzionario e amministratore di importanti imprese e nel campo dell'import-export, per arrivare al settore assicurativo e della promozione finanziaria.Una realtà apparentemente lontana da quella della produzione culturale.In realtà,il neo scrittore, figlio dell'avvocato Mario Cardi, uno dei Sindaci che hanno contribuito alla ricostruzione di Itri negli anni del dopoguerra,ha cercato sempre di dare sfogo alle sue passioni:musica, fotografia e letteratura.
Ha iniziato,così, a scrivere e nel 2004 ha pubblicato il suo primo libro "Una coppia qualsiasi".E' la storia di una separazione, raccontata attraverso "i più profondi meandri dei due protagonisti,nelle loro paure, emozioni e traumi infantili".
Il secondo romanzo, presentato alla Fiera del Libro di Torino,ed in diverse regioni italiane, è in vendita ad Itri presso l'Associazione Pro Loco.Il ricavato, per decisione dell'autore, verrà versato al Fondo destinato al finanziamento dei mini-progetto di sviluppo rurale del programma Telefood/FAO .

-------------------------------------------------------------------------------News 2005---------------

Dal I° luglio, per tutta l'estate, il Castello Medioevale aperto alle visite.

Un accordo sottoscritto dalla associazione Po-Loco con l'Amministrazione Comunale di Itri ha permette, a partire dal I° luglio, la visita al Castello Medioevale di Itri, restaurato due anni fa.Le visite sono possibili tutti i giorni feriali della settimana dalle ore 18.00 alle 23.00.La domenica ed i festivi l'apertura serale si protrae fino alle 24, mentre il castello è aperto anche al mattino dalle 10 a mezzogiorno.

Inoltre, dal 10 luglio e per tutto agosto il Castello ospita le mostre fotografiche della terza edizione delle Giornate Fotografiche Internazionali.Mentre, dal 5 al 25 agosto, si svolgeranno nell'anfiteatro spettacoli, concerti ed eventi della manifestazione ItriArte 2005.Sono previste altre iniziative culturali che verrano segnalate nella rubrica:Appuntamenti a Itri.

---------------------------------------------------------------------------News 2005---------------------

Ricordato Giovanni Ialongo: a venti anni dalla scomparsa.

Nell'aula Consiliare del Comune di Itri si è svolta , mercoledì 29 giugno,alle ore 18.00, una cerimonia per ricordare i venti anni dalla morte di Giovanni Ialongo,esponente politico socialista, che fu Sindaco di Itri e Presidente dell'Amministrazione Provinciale di Latina.La figura e l'opera di Giovanni Ialongo sono state evidenziate da Antonio Signore, compagno di studi e di percorso politico-amministrativo del politico itrano.Soo intervenuti: l'attuale sindaco di Itri, Giovanni Agresti, ed il presidente dell'Amministrazione provinciale di Latina,Armando Cusani.Successivamente,in via Don Morosini,il Parco Pubblico di Itri è stato intitolato a Giovanni Ialongo.

---------------------------------------------------------------------------------------------------------

29 maggio 2005: successo della XX edizione dell'Infiorata.

Si è svolta domenica 29 maggio,2005, la ventesima edizione dell'Infiorata Itrana che ha visto, come di consueto, la partecipazione di scuole, gruppi e singoli artisti nella preparazione dei bozzetti che si sono trasformati, quasi per incanto in grandi quadri floreali realizzati dalle prime ore dell'alba dai diversi gruppi coinvolti. L'infiorata è stata preceduta dalla raccolta del lentisco, della mortella, delle ginestre e di foglie di altre piante sempreverdi che hanno costituito insieme ai fiori freschi ,lavorati poche ore prima della preparazione dei quadri, la base per raccontare, con i colori della natura, stati d'animo, momenti di religiosità, denuncie sociali ma anche semplici coreografie.Anche quest'anno l'Infiorata è stata dedicata al sostegno di TeleFood, il programma della FAO che sostiene mini-progetti di sviluppo nelle aree più povere del mondo.Uno dei quadri è stato dedicato al riso, alimento base dell'alimentazione mondiale,di cui si è celebrato l'anno internazionale.

----------------------------------------------------------------------News 2005----------------------------

Tamburello: a Itri dal 6 all'8 maggio il Campionato italiano femminile indoor

Presentati al Foro Italico, a Roma, i Campionati Italiani di Tamburello 2005,a centonove anni dalla prima edizione, che hanno preso avvio per concludersi il 25 settembre. Al nastro 12 formazioni di A (le astigiane Callianetto, Campione d'Italia e d'Europa in carica e Montechiaro; la bergamasca Filago; le mantovane Castellaro,Cavrianese, Medole, Solferino; le trentine Mezzolombardo e Tuenno; la trevigiana Colbertaldo, le veronesi Fumane e Sommacampagna) e 25 di B divise in due gironi, di dodici squadre il primo (formazioni di Alessandria, Asti, Bergamo e Mantova), di tredici il secondo (Mantova, Trento e Verona).
Sono promosse in A, da cui retrocedono le ultime due classificate, le due di B meglio classificate nella poule finale (cui accedono la prima e la seconda di ciascuno dei due gironi di qualificazione) che disputano poi un incontro per l’assegnazione del tricolore di B.

In via di definizione anche la XXIV edizione del campionato italiano femminile (scudetto 2004 alla astigiana Callianetto Chiusano).
Nella specialità indoor sono in calendario a Itri (Latina), dal 6 all'8 maggio, precedute dall'8 al 10 aprile da quelle giovanili, le finali per l’assegnazione degli scudetti 2004/2005 (campioni uscenti il Ragusa, maschile e la trentina Aldeno, femminile).

------------------------------------------------------------------------News 2005---------------------------

Lutto anche ad Itri,per la scomparsa di Giovanni Paolo II: il secondo Papa della storia ad essere salito sul Monte Civita a pregare davanti al quadro di Maria SS. della Civita.

La storica visita è avvenuta il 25 giugno del 1989, “seguendo le orme” – come disse lo stesso Pontefice- del suo predecessore Pio IX , avvenuta nel 1849,quando il Papa,recentemente beatificato, si trovava esule a Gaeta,in seguito all'occupazione di Roma. In quella occasione, Giovanni Paolo II sottolineò, rivolgendosi ai fedeli, itrani e di tutta la Diocesi di Gaeta, di essere andato per “venerare la Vergine Santissima nel suo Santuario della Civita, così famoso e così ricco di significato per voi, che negli occhi di Maria e nel suo volto materno cercate conforto alle sofferenze fisiche e morali”. La visita era, infatti, dedicata in particolare agli inferni ed erano presenti anche molti medici, infermieri, volontari e amministratori di strutture sanitarie. A tutti Giovanni Paolo II espresse “l'apprezzamento per la dedizione con cui vi sforzate di creare intorno ai malati, immagini viventi di Cristo sofferente, un ambiente familiare, accogliente, disteso. Voi sentite il dovere di portare calore umano capace di capire i suoi stati d’animo e di sostenere la sua lotta quotidiana, volta alla riconquista della salute”. Quasi profeticamente, il Papa della lunga malattia, e della lunga agonia disse ancora:”In questo vostro impegno vi è anche di grande aiuto la fede, la quale vi consente di vedere nel malato i lineamenti del volto di Cristo. Non ha forse egli detto: «Ero malato e siete venuti a visitarmi» (Matteo 25, 36) Queste parole risuonino continuamente dentro di voi. Lui, che legge nel segreto, vi saprà ricompensare”.

Ora Giovanni Paolo II non c’è più, ma l'esempio della sua sopportazione del male,e la volontà della testimonianza di fede e di speranza dimostrata, fino agli ultimi “silenziosi” gesti, rimangono impresse nelle memoria di credenti e non credenti, di cristiani e non cristiani.

--------------------------------------------------------------------------------------------News 2005---------------------

San Giuseppe: appuntamento il 19 marzo ad Itri con i tradizionali Falò.Zeppolata, musiche popolari, balli, stands di artigianato e prodotti tipici locali.

Puntualmente Itri ha festeggiato San Giuseppe,patrono degli artigiani, con i tradizionali “falò la cui memoria si perde nei secoli.Di origine pagane per alcuni, legata al lavoro dei falegnami per altri.Dopo l’inverno si cominciava a fare pulizia nelle botteghe e tutti i residui della lavorazione del legno venivano bruciati nella notte di San Giuseppe:il falegname per eccellenza nella storia del cristianesimo. Fino a pochi hanno fa si svolgeva una gara, senza esclusione di “colpi”, a chi faceva il fuoco più grande e bello. Adesso è tutto più controllato ed organizzato. Ma, la tradizione non ha perso il senso della partecipazione popolare.Anche quest'anno l'evento ha coinvolto tutto il paese ed entusiasmato i visitatori.

IIL programma realizzato, con il patrocinio del Comune di Itri e della Pro Loco, dai Comitati dei diversi Rioni, ha avuto inizio alle 20.00 di sabato 19 marzo con l’accensione dei fuochi che sono stati alimentati fino all’esaurimento della legna.In ogni Rione si sono preparati piatti o dolci tipici, con l’accompagnamento musicale e stand artigianali.

In Piazza Umberto I, davanti alla sede comunale si sono potute degustare le "penne San Giuseppe”.

Allo Straccio, Corso Appio Claudio, una delle zone storiche e della Itri bassa, attraversata dalla Via Appia antica, si è svolta la tradizionale “zeppolata”:il dolce tipico di San Giuseppe,con l'immissione di nuove giovani cuoche per tramandare la tradizione.

Alla Madonna delle Grazie, ingresso nord del paese, sono stati cucinati i "vermicelli al sugo di olive".

A Sant’Angelo,la parte alta più antica, all’ombra del Castello ha regnato la " bruschetta con fagioli ed olive".

Due sono stati gli appuntamenti a San Gennaro, la parte sud del paese basso, lungo l’antico tracciato della via Appia: Largo dei Campi con "penne e salciccia" e Largo Orticelli con "salciccia e patate al Forno".

L’.intrattenimento musicale ha animato ognuno dei rioni indicati, mentre gli stands di artigianato e prodotti tipici sono satti allestiti nell’area pedonale di Piazza Annunziata nei pressi dell’omonima Chiesa.

------------------------------------------------------------------------------------------ News 2005-------------------

Consegnati alla FAO,seimilaquattrocento euro raccolti ad Itri per il sostegno ai progetti di sviluppo di TeleFood ,che saranno destinati alle vittime dello tsunami.

L'assessore ala Cultura del Comune di Itri, Raffaele Mancini, ed il Presidente della Pro-Loco, Camillo Tatta hanno consegnato nella sede della FAO a Roma un assegno di 6.400 euro raccolti, dall'estate 2004, nell'ambito della Campagna "Itri sostiene TeleFood/FAO".Nel corso di una breve cerimonia, svoltasi mercoled' 23 febbraio, alla presenza del vice-direttore generale della FAO, Manfredo Incisa di Camerana e del responsabile operativo del Programma TeleFood/ Fao, Majid Chaar , i responsabili dell'Organismo delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura hanno ringraziato tutti coloro che, anche con i loro piccoli contributi, hanno permesso di arrivare ad una somma che permetterà la realizazione di uno dei micro-progetti TeleFood.E' stato, inoltre, auspicato che prosegua ad Itri, nell'abito del Protocollo firmato dal Comune con la FAO, l'azione di sensibilizzazione delle giovani generazioni sui drammatici problemi dello sviluppo ed auspicato che, quanto prima, alcune Scuole di Itri possano recarsi in visita alla sede della Fao per comprendere meglio il grande lavoro svolto dagli organismi internationali.In questo momento, per esempio, pur intervenendo in modo massiccio nelle zone del sud-est asiatico colpite dal maremoto, la Fao non dimentica le tante emergenze che interessano, in particolar modo, l'Africa, ma anche l'America Latina ed altre zone del mondo. Il Progetto "Itri sostiene TeleFood" ha visto impegnata in primo luogo, insieme al Comune di Itri, l'Associazione Pro Loco, con un ampio programma culturale iniziato in occasione dell'Infiorata e le Scuole. Si spera, per il futuro, di avere un analogo impegno da parte di altre associazioni locali che ,per avendo partecipando alla cerimonia per la firma del prococollo con la Fao, non hanno convcretizzato alcun gesto di solidarietà, forse perchè impegnate su altri fronti.

------------------------------------------------------------------------News 2005-------------------

Gemellaggio Itri-Cranston:
dal 19 al 26 febbraio,ad Itri dodici studenti della città USA.

Prosegue il gemellaggio, avviato nel 2000,dal 21 al 29 novembre, con la visita a Cranston, Rhode Island, la città degli Stati Uniti che ospita la maggiore comunità di origine itrana, di una delegazione di giovani di Itri accompagnata dall'allora Sindaco, Giovanni Ialongo.La delegazione fu accolta, oltre che dalla numerosa comunità itrana, dal Sindaco della città. L'anno successivo, nel 2001, fu la volta di un gruppo di giovani di Cranston a visitare Itri, dal 12 al 20 aprile, accompagnati dal Sindaco, O'Leary, e dal Senatore di origine itrana Izzo .

Un folto gruppo di fedeli itrani originari di Cranston è ritornato ad Itri nel 2002 per gli speciali Festeggiamenti in onore di Maria Santissima della Civita. In tale occasione un piccolo spazio verde,di fronte alla cappella votiva della Madonna della Civita che si trova alla fine di Via Civita Farnese, fu intitolata al Gemellaggio Itri-Cranston.

Quest'anno, dal 19 febbraio al 26, è un gruppo di studenti,dell'età media di18 anni, a visitare Itri per conoscere il paese dei loro genitori o nonni e per svolgere un intenso programma sociale e culturale elaborato dal Comune di Itri e dalla Pro-Loco.Tra i primi appuntamenti vi è stata la visita del Centro RAI di Saxa Rubra a Roma, dove il gruppo è stato ospite, domenica 20, della trasmissione di Rai International "La Giostra dei Gol", la più seguita trasmissione televisiva in diretta al mondo.Il gruppo ha avuto modo di incontrare anche l'ex-pugile Nino Benvenuti, campione del mondo e olimpico, e di visitare lo studio del tg di Rai International "Qui Roma" dove sono stati anche intervistati in un servizio che è andato in onda, in tutto il mondo, martedì 22 e mercoledì 23 febbraio. A Itri sono stati visitati i luoghi ed i monumenti più significativi,visite sono state compiute nei dintorni, a Roma ed al Santuario di Pompei.Una cena di Gala al Castello Medioevale ha concluso questa nuova fase del Gemellaggio tra Itri e Cranston.

Programma della prima fase dello scambio socio-culturale Itri-Cranston.Americani ad Itri - Febbraio 2005

Sabato 19/2 - Arrivo in mattinata all'aeroporto di Fiumicino,.
- Ore 12.00 Ricevimento presso lxAula Consiliare Comune di Itri con aperitivo
- ore 18:00 -Aula Consiliare del Comune :Concerto del Gruppo Marechiaro (musica napoletana) in collaborazione con i circoli Lions Club della zona

Domenica 20/2 - Roma- Centro Rai Saxa Rubra- Visita alla redazione di Rai International e interviste-pranzo offerto da Rai International-
Ore 14.00/18.00-il gruppo sarà ospitato in studio in studio al programma "La giostra dei Gol" condotto da Paola Salluzzi e Gianfranco De Laurentis.

Lunedi' 21/2 - Visita presso l'Istituto Magistrale Marco Tullio Cicerone
-ore 15.00 Visita ad alcune aziende del contesto produttivo itrano: UNAGRI (cooperativa agricola), Gruppi Elettronici Stamegna, Mancini Mobili
-ore 21.00-Rappresentazione teatrale dei giovani della Compagnia Arteteca di Itri e proiezione dei video relativi alle inaugurazioni del Museo e del Castello Medioevale restaurato.

Martedi' 22/2- Partenza per Pompei: visita agli scavi archeologi

Mercoledi' 23/2 -Giornata a Roma con visita al centro storico (Campidoglio, Fori Impeiali, Colosseo ecc)- Pranzo presso la mensa della FAO-
ore 14,30-incontro con i responsabili di TeleFood FAO per assistere alla consegna dei fondi raccolti ad Itri nel 2004 a sostegno dei progetti di sviluppo agricolo e destinati ora alle zone colpite dallo tsunami.

Mercoledi' 23/2 Giovedi' 24/2 - Itri- Visita dell'Area archeologica dell'Appia Antica.Organizzata dal Parco dei Monti Aurunci-con pranzo al sacco offerto dall'Ente Parco. (In caso di pioggia:visita ai musei della zona). ore 21,15 - Cena ufficiale al Castello Medioevale --

Venerdi' 25/2 - Visita guidata al Museo del Brigantaggio- A seguire visita guidata al centro storico ed al Castello di Itri

Sabato 26/2 - Partenza per l'aeroporto di Fiumicino per il rientro a Cranston

--------------------------------------------------------------------------------------------News 2005----------------

Trasferta a Toronto, in Canada, dal 24 al 27 febbraio, del Festival La Zampogna la cui dodicesima edizione si è svolta con successo a Itri, Fondi, Formia e Maranola.

Tre giorni dedicati a uno strumento tra musica, cultura e tradizione. Si è svolta con successo la dodicesima edizione del Festival della zampogna caratterizzata da seminari, concerti, mostre e mercato che ha coinvolto quattro paesi del sud pontino nel Lazio:Itri, Fondi, Formia e Maranola. Ex in questa cittadina che il festival ebbe origine per lximpegno di due musicisti ed etnografici:Erasmo Treglia ed Ambrogio Sparagna.La manifestazione è cresciuta tanto da essere annoverata tra i quaranta appuntamenti più importanti del Folk in Europa e da avere ampi riconoscimenti in altri continenti. Infatti,il Festival è stato presente, quest'anno, anche alla edizione di "Folk alliance" (Fiera Mondiale della Folk and Dance Music) che si è svolta a Montreal, in Canada,dal 24 al 27 febbraio.

In Italia, il Festival 2005, si è svolto in varie località dell'area del sud pontino, con musicisti giunti da varie regioni musicali, anziani suonatori e giovani studenti, costruttori e compositori che hanno partecipato a seminari, concerti, performance, stage.

Tra gli appuntamenti più significativi dell'edizione 2005 vi sono stati : il concerto "Litania", con Giovanni Lindo Ferretti, Ambrogio Sparagna e il gruppo Vox Clara, quello tenuto da Raffaello Simeoni, la partecipazione straordinaria di Peppe Servillo (Avion Travel) e Francesco Di Giacomo (Banco del Mututo Soccorso) che sono impegnati impegnati nella rivisitazione del repertorio tradizionale.Al Festival ha partecipato anche Marco Muller,direttore della Mostra del cinema di Venezia, che ha presententato il libro "La Zampogna" curato da Ambrogio Sparagna. Febo Guizzi , dell'Università di Torino, ha ricordato, invece, Roberto Leydi uno dei grandi musicisti che hanno coltivato"Ma il festival – per il direttore Erasmo Treglia – è stata soprattutto un'occasione per ascoltare della buona musica ed incontrare dei validi musicisti, per acquistare strumenti, libri e ri-viste specializzate, dischi ed altro nell'ambito della mostra-mercato e per stabilire nuovi contatti sotto il suono della zampogna. La zampogna come cultura, un patrimonio di saperi e memorie da conoscere e salvaguardare".

ll programma che si è svolto dal 21 al 23 gennaio scorsi.

Progetto "Archivio Aurunco":direzione artistica di Erasmo Treglia ed Ambrogio Sparagna.

ITRI - 21 Gennaio Museo del Brigantaggio -

h. 17.30 SEMINARIO di STUDI -La gente dellxalbero

Musiche e pratiche rituali ad Alessandria del Carretto e a Pastena

a cura dell'Istituto di Storia e di Arte del Lazio Meridionale e dell'ARPA-Suttuvuess

h. 18.30 Piccolo Concerto di Zampogne e Voci

Visita Guidata al Museo del Brigantaggio

Palazzo Comunale - h. 19.30

CONCERTO della SERA -Le Arie degli Appennini con Raffaello Simeoni e la

partecipazione di Massimo Giuntini, Giuliana De Donno e Corale Discantus .

FONDI - 22 Gennaio Aula Magna Liceo xGobettix - h. 11.30

ARCHIVIO NEWS