Lettera di intenti -Comune di Itri/ FAO -

premesso che:

- La necessità di coinvolgere la società civile, in tutte le sue componenti pubbliche e private, nell’azione diretta a garantire a tutti la sicurezza alimentare ed eliminare quindi la fame e la malnutrizione, è stata riconosciuta dal Vertice Mondiale sull’Alimentazione (1996) e ulteriormente ribadita nel recente Vertice Mondiale sull’Alimentazione: cinque anni dopo, tenutosi a Roma dal 10 al 13 giugno 2002;

- la Conferenza dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’Alimentazione e l’Agricoltura, FAO ha approvato, con la Risoluzione 3/97 del 17 novembre 1997, l’iniziativa TeleFood/Cibo per tutti, avente il duplice scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica mondiale sui gravi effetti dell’insicurezza alimentare e sulla necessità di intraprendere azione concrete e di promuovere campagne di raccolta fondi, da destinare nella loro totalità al finanziameto di microprogetti in aiuto delle famiglie rurali bisognose del mondo in via di sviluppo per produrre una maggiore quantità di alimenti;

- l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI) ha, in occasione della sua XVIII Assemblea annuale a Parma nell’ottobre 2001, adottato il “Codice di condotta internazionale sul diritto dell’uomo ad un’alimentazione adeguata”, elaborato sotto il coordinamento dell’Istituto internazionale Jacques Maritain. Attraverso l’adozione di tale codice i Comuni italiani intendono contribuire alla diffusione e al rispetto del più fondamentale dei diritti: quello al cibo;

- la FAO e l’Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI) hanno firmato, in data 14 dicembre 2001, un Accordo Quadro allo scopo di regolare e sviluppare i loro rapporti di partenariato allo scopo di (a) sensibilizzare l’opinione pubblica; (b) raccogliere fondi tra i cittadini per combattere la fame nel mondo; (c) celebrare la Giornata Mondiale dell’Alimentazione; (d) individuare, progettare, eseguire e monitorare programmi di cooperazione decentrata.


Considerato che:

- il Comune di Itri e la FAO, animati da interessi comuni, sono interessati ad istituzionalizzare il loro partenariato per disporre di un meccanismo che dia continuità e sistematicità alla loro collaborazione;

- il Comune di Itri e la FAO, hanno espresso formalmente, durante l’incontro avvenuto il presso la FAO, la reciproca ferma volontà di stabilire una solida collaborazione al fine di aumentare e migliorare la capacità di partecipazione delle autorità locali dei Paesi dove la FAO opera;

Tutto ciò premesso e considerato:


La FAO, nell’ambito dell’Accordo Quadro di cui sopra e, in particolare, nell’ambito delle iniziative pubbliche e istituzionali e della cooperazione decentrata e formazione, concordate e rese esplicite nell’articolo 1 dell’Accordo stesso, ritiene che una fattiva collaborazione tra il Comune di Itri e la FAO possa essere utile al perseguimento di un obiettivo comune volto a ridurre la fame nel mondo.

Pertanto, la FAO e il Comune di Itri si impegnano a definire al più presto progetti concreti allo scopo di dare esecuzione a tale collaborazione.

Insieme, il Comune di Itri e la FAO possono dare un contributo fondamentale alla soluzione di questo grave problema mondiale.



Per il Comune di Itri, il Sindaco Giovanni Agresti

Per la FAO, il Vice Direttore Generale, Amb. Manfredo Incisa di Camerana