La forza della canzone.


La lunga storia dell’Emigrazione italiana nel mondo e’ stata sempre accompagnata da una colonna musicale costituita da canti tradizionali,da quelli del lavoro,da canti religiosi, dalla canzone napoletana e da arie di opere liriche. Nelle interminabili e disagiate traversate oceaniche dei vecchi velieri nell’ottocento gli uomini, le donne e spesso anche i bambini trovavano nella canzone la forza ,la speranza ed il sollievo di fronte ad un cambiamento radicale,profondo, traumatico ma anche pieno di speranza per una vita migliore, per un futuro piu’ generoso.Un secolo dopo i viaggi erano piu’ veloci ed avvenivano in condizioni migliori,ma rimaneva la stessa struggente nostalgia della propria terra.

Enrico Farina, originario di Sora, dagli anni 50 in Canada, è uno dei più famosi cantanti italiani nel mondo


L’arrivo e l’inserimento spesso erano spesso piu’ difficili del viaggio:l’impatto con un mondo diverso dominato da regole non sempre rispettose dei piu’ elementari diritti portavano a trovare nella canzone la forza di superare le avversita’ .Si cantava nelle terre desolate da bonificare in America Latina,o nelle fabbrichette di New York, ma anche nelle miniere del Belgio o nella bonifica delle’ Agues Morte nel sud della Francia.

Ma anche quando l’emigrazione e’ divenuta piu’ organizzata, meno traumatica, piu’ rispettosa dei diritti, il distacco ha sempre lasciato una nostalgia non sempre compensata da migliori condizioni di vita se non dal successo personale.Nelle feste,nelle ricorrenze, ma anche nella vita di tutti i giorni davanti ai fornelli di una cucina moderna la canzone ha avuto un ruolo di collegamento immediato e simbolico con la terra di origine, la madre patria, il proprio nucleo etnico e culturale.

Il bisogno di cantare ma anche di ascoltare le belle canzoni italiane ha fatto crescere varie generazioni di emigranti-cantanti. Personaggi piu’ o meno conosciuti,la gran parte dei quali assolutamente ignorati in Italia,ma che con le loro canzoni hanno aiutato anche le nuove generazioni ad amare l’Italia.

Ancora oggi sono decine i cantanti di origine italiana che dal Canada all’Argentina,dalla Francia all’Australia mantengono viva la tradizione canora italiana eseguendo i brani tradizionali, curandone la rielaborazione e la edizione in lingua, o svolgendo un ruolo di rinnovamento attraverso l’elaborazione di nuovi testi.

Si tratta di artisti che, in alcuni casi, hanno venduto milioni di dischi e fatto tourneè in diversi continenti, ma che spesso sono poco conosciuti in Italia.

Mira Sangregorio, cantante italo-australiana di origine napoletana

Dallo scorso anno,nell’ambito del Premio Cultura e TV, che si svolge da dieci anni in Sicilia e’ stato predisposto un Premio speciale ai Cantanti italiani nel mondo.Nella prima edizione sono stati premiati l’italo canadese Enrico Farina e l’italo-francese Gilles Barte-Curatolo.


Augusto Milana



<<back